George Harrison - My Sweet Lord [1970]

"My Sweet Lord" di George Harrison fu il primo singolo estratto dall'album "All Things Must Pass" del 1970, il primo solistico dopo lo scioglimento dei Beatles; la canzone, dedicata alla divinità indù Krishna, è considerata una delle più belle scritte da George ed in un primo momento era stata pensata per Billy Preston che aveva aiutato l'ex-Beatle a realizzarla in studio e questi la inserì nel suo album "Encouraging Words" del 1970. Ma solo quando la incise e la pubblicò come singolo (prima negli Usa il 23 novembre 1970, poi in Gran Bretagna il 15 gennaio 1971) Harrison la canzone arrivò al #1 sia della UK Singles Chart inglese (rimanendo in testa per 5 settimane) che della Bilboard Hot 100 americana (per 4 settimane): è stato il primo singolo di un ex-Beatle a raggiungere il N°1. Bisogna ricordare però che il brano divenne oggetto di una controversia legale perchè Harrson venne accusato di averlo copiato da "He's So Fine" del gruppo vocale al femminile delle Chiffons, che fu un successo discografico nel 1963 (e che vi proponiamo domani in questa sezione del nostro sito); la corte federale statunitense concluse che Harrison aveva 'inconsciamente' copiato la canzone delle Chiffons e George fu costretto a cedere una parte dei diritti d'autore di "My Sweet Lord" agli autori di "He's So Fine". Successivamente le Chiffons avrebbero registrato una cover della canzone di George per sfruttare la pubblicità ricevuta. Quando nel 2001 venne pubblicata una ristampa dell'album "All Things Must Pass", per volere di George vi fu inserito un bonus costituito da una nuova versione di "My Sweet Lord", caratterizzata da una breve introduzione orientaleggiante ed una parte chitarristica più evoluta rispetto all'originale, con un assolo di chitarra slide che ad Harrison piaceva di più. Canzone dedicata a Cinzia per il suo compleanno. Auguri!


George Harrison - My Sweet Lord [1970]

* La rivista Rolling Stone ha collocato il brano al 454º posto della lista delle 500 migliori canzoni di sempre.

No copyright infringement intended