Musica

GLAD RAG DOLL di Diana Krall

 

 

 

ARTISTA: Diana Krall
TITOLO: Glad Rag Doll
ETICHETTA: Verve/Universal
ANNO: 2012
 

 

 

La storia del jazz ci insegna che sui territori del vocalismo d’alto intrattenimento l’aspetto fisico non ha mai contato  eccessivamente; al giorno d’oggi invece aiuta eccome. Diana Krall, 47 anni, madre di due gemelli di 5 anni, compagna di Elvis Costello, compare sulla copertina del suo nuovo disco anzitutto splendida nell’aspetto fisico. Che poi sia brava come interprete è cosa risaputa ma certo il modo di ammiccare alla moltitudine degli ascoltatori, seducente e in abiti (semi)succinti – languida come una ragazza delle Zigfeld Follies degli anni venti - raggiunge un secondo importante risultato: ovvero quello d’aiutare (e non poco) l’affermazione globalizzata di un genere sofisticato ed (un tempo) ‘esclusivo’ qual è quello di cui lei e Michael Bublé sono oggi le punte più avanzate. La purezza dei grandi d’un passato (oscuro e negletto ai più) è bella che andata, la magnificenza ‘maudit’ di gente come Chet Baker e Billie Holiday, appartiene alla nostalgia d’antica e sempiterna memoria, oggi si fanno largo artisti che anzitutto devono ‘piacere’ alle platee. Il nuovo disco, l’undicesimo in studio, ha tutto per apparire vintage (conduce ad un raffinatissimo recupero delle radici jazzistiche di inizio Novecento) ed allo stesso tempo ammaliare le platee con immagini che ritraggono la bella interprete in pose seducenti. Diana recupera brani degli anni ’20 e ’30 sui quali si è formata: 13 in tutto, più 4 per la Deluxe Edition’ messa (essa pure) in commercio. Si tratta di pezzi che lei ha imparato ad amare dalla collezione di 78 giri del padre, appassionato cultore. Non necessariamente brani celebrati, più volte invece pezzi oscuri che si muovono tra lo swing, il vaudeville e il rag (“We Just Couldn't Say Goodbye”, “There Ain't No Sweet Man That's Worth The Salt Of My Tears”, “Here Lies Love”, “I Used To Love You But It's All Over Now”), in una nuova veste più aderente ai tempi che corrono. Ed il risultato musicale è più raffinata che mai, mostra la sola “debolezza”, se la si può definire tale, di voler arrivare ad una fetta ancor più ampia di consumatori (almeno nella prima parte) nonostante - e qui sta il merito - l’adozione di classici (come detto) sconosciuti ai più, a recuperare sonorità malinconiche e dimenticate. Tra queste anche certo gipsy jazz che nei primi decenni del XX° secolo vide primeggiare il grande chitarrista Django Reinhardt. In cabina di regia produttiva c’è la garanzia offerta dal lavoro di T-Bone Burnett. Un mood meno jazzato spesso più incline alla ballata (“Prairie Lullaby”, la title-track, “Wide River To Cross”, la magnifica “Let It Rain”); splendido è poi l’arrangiamento di “Lonely Avenue” (di Doc Pomus) già entara a far parte del repertorio di Ray Charles e Van Morrison. La Krall, dallo stile vocale forte e duttile, ha assoluta padronanza della voce, capace comunque di dare accelerazioni alle linee armoniche, e dona pure tocchi di sensualità alle sue performance vocali; e non meno efficace (si ascolti “I’m A Little Mixed Up”) è il suo pianismo ‘blue’ accanto al lavoro puntuale di alcuni straordinari session-man (primeggia Marc Ribot alle chitarre e al banjo) che, oltre allo stesso T-Bone Burnett, contemplano Howard Coward (ukulele, chitarra, mandola, background vocal), Jay Bellerose (batteria), Dennis Crouch (basso), Bryan Sutton (chitarre), Colin Linden (chitarre, dobro) Keefus Green (tastiere, mellotron). Un disco magnifico che riesce ad arrivare anche ad un pubblico ‘distante’ da certo jazz.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Articoli correlati