L'angolo del Kult!

KICK-ASS 2 di Jeff Wadlow in Blu-Ray

 

 

Sequel del cinecomic diretto nel 2010 da Matthew Vaughn che traeva ispirazione dal fumetto omonimo firmato da Mark Millar e John S. Romita Jr., una delle migliori graphic novel degli ultimi anni, in un’epoca in cui Hollywood investe (quasi) esclusivamente in questo pianeta, con Marvel e Dc Comics che la fanno da padroni assoluti sul mercato.

Subito elevato a ‘cult movie’ nonostante giudizi contrastanti (equamente divisi tra chi ne ha apprezzato l’irriverenza e chi ha storto la bocca per una presunta mancanza di aderenza allo spirito originario del fumetto), “Kick-Ass”, visti i buoni esiti al botteghino (ma soprattutto sul mercato dell’home-entertainment) - 30 milioni di dollari di budget, 100 raccolti nelle sale di tutto il mondo -, beneficerà pure di un terzo capitolo che andrà a formare una trilogia per molti versi unica. Il messaggio che il franchise sembra, ad ampio raggio, far suo è quello che in questo nostro mondo non esistono supereroi, ma solo persone perfettamente ‘normali’ che si nascondono dietro delle maschere, e ci viene sovente ricordato che ‘il mondo reale ha conseguenze reali’. Nella forma e nel taglio delle immagini volutamente fumettistiche, “Kick-Ass” si ammanta di istanze pop, come sovente abbiamo visto in altri film di supereroi, in qualche maniera eversive ed irriverenti, avvalendosi di una messa in scena vivacissima e di colori quanto mai saturi. Il target di riferimento è quello degli adolescenti che si immedesimano e si trovano a proprio agio nel bizzarro filone ‘nerd’. Passaggio di consegne in cabina di regia, da Matthew Vaughn (che dopo aver diretto l’episodio d’apertura avrebbe preso le redini di “X-Men - L'inizio”) a Jeff Wadlow (prima di questo lavoro artefice dello slasher “Nickname: Enigmista” nel 2005 e di “Never Back Down - Mai arrendersi” nel 2008), ma formula espressiva del tutto inalterata: tanta azione ma davvero bassi i contenuti narrativi. Semmai, rispetto al primo film, potremmo sottolineare l’accentuazione di un certo cinismo e qualche parentesi comico-grottesca; peraltro la violenza esplicita di alcune scene -¬ una buona dose di splatter ma dal sapore più che altro fumettistico - e i movimenti iperrealistici della macchina da presa, vengono giustificati da motivazioni estetizzanti. Ritroviamo Aaron Johnson e Chloe Moretz nei panni di Kick-Ass e Hit-Girl. Mentre David coraggiosamente sta crescendo – egli è un ragazzo come tanti, e vorrebbe trasformarsi in un (super)eroe, e celato dietro il costume di Kick-Ass si aggrega per gioco ad un manipolo di amici-eroi ‘alla matriciana’ chiamati Justice Forever e guidati dal Colonnello Stars and Stripes (un magnifico Jim Carrey) -, Hit Girl è costretta a fare marcia indietro, tallonata da vicino dal suo tutore che ne controlla ogni movimento (o quasi), e deve rifluire nella esperienza di liceale che le crea comunque non pochi problemi di convivenza con le gang di ‘bad girl’ presenti nella scuola. Intanto Red Mist (Christopher Mintz-Plasse), deciso a vendicare la morte del padre occorsa per mano di Kick-Ass e Hit Girl e proponendosi col nome di Mother Fucker, mette insieme una banda di mercenari che si contrappone al gruppo capitanato da Kick-Ass. Ma affinché le cose si sistemino sarà necessario che Hit Girl indossi nuovamente il costume e la parrucca viola per trasformarsi nella spietata giustiziera che conosciamo… Impregnato di autoironia il film prova a chiedersi il perché i supereroi non possono avere spazio sul nostro pianeta abitato da esseri umani, perché in realtà la Terra ha necessità di eroi autentici. I villain in questo caso sono rappresentati da un’accozzaglia di ‘supercriminali’ , un coacervo assai male assortito di figure grottesche (tra le quali Madre Russia, una micidiale body-builder dal passato di agente del KGB, Genghis Carnage che viene dalla Cina) guidati dal patetico e psicopatico Mother Fucker. Probabilmente il film non riesce a creare il giusto equilibrio tra le sue varie anime, certo è che il fumetto era tutta un’altra cosa, ma forse è anche vero che non si può (e non si deve) andare oltre la sua lettura parodistica di ironico teen-movie adolescenziale adattato al supereroismo.  Non sfuggono poi all’occhio più attento di qualche appassionato le sapienti frecciatine rivolte contro la Troma, nota casa di produzione ‘a stelle e strisce’ specializzata in film trash.
Ottima edizione in Blu-Ray per “Kick-Ass 2”; viene salvaguardata l’estetica fumettistica voluta dai realizzatori, in primis il mix di colorazioni sature e il cromatismo vivido. Quadro video nitido, immagini pulite e solide, ben contrastate e dal confortevole senso di profondità, risalta l’eccellete texture degli abiti e il nitore degli incarnati; con qualche leggera artificiosità quando sono presenti gli effetti in CGI. Nessun artefatto rilevabile dovuto ad un cattivo processo di compressione. Per l’audio, vista il buon numero di scene ‘action’, meglio la traccia originale inglese DTS HD Master Audio 5.1 per i più integralisti della perfezione del suono, ma quella in italiano (in semplice DTS 5.1) non sfigura affatto in quanto a dinamismo, utilizzo dell’intero fronte dei diffusori, ottima direzionalità e resa dei dettagli sonori. Il subwoofer viene impiegato con efficacia e i dialoghi sono più che distintivi. Tanti gli extra; si parte con il commento audio del regista Jeff Wadlow e degli interpreti principali Aaron Taylor-Johnson, Christopher Mintz-Plasse e Chloe Grace Moretz per tutta la durata del film, sottotitolato in italiano, un corposo ‘Making Of’ (52’) articolato in 5 parti su vari aspetti della realizzazione, poi diverse featurette – un inizio alternativo (3’), uno storyboard (2’) relativo ad sequenza mai girata del personaggio (Big Daddy) interpretato da Nicholas Cage nel primo film, la sequenza spettacolare del furgone in autostrada (5’) - con il commento opzionale di Wadlow, scene estese (14').

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures)

 

NOTE TECNICHE
Il Film

KICK-ASS 2

(Kick-Ass 2)

Usa, 2013, 103’
Regia: Jeff Wadlow
Cast: Aaron Taylor-Johnson, Christopher Mintz-Plasse, Chloe Moretz, Nicolas Cage, John Leguizamo, Donald Faison, Robert Emms, Morris Chestnut, Jim Carrey, Yancy Butler, Andy Nyman, Claudia Lee, Chuck Liddell.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Video: 2.40:1 1920x1080p/ AVC MPEG-4  
Audio: Inglese DTS-HD Master Audio 5.1
  Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo DTS Digital Surround 5.1
Distributore: Universal Pictures

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...