Home Video

PORCO ROSSO di Hayao Miyazaki in Blu-Ray

 

 

 
 
 
 
La Magia dell’animazione dello Studio Ghibli che si trasforma in Arte. C’è voluto del tempo ma alla fine Miyazaki Hayao è stato sdoganato anche in Italia, nonostante ci fossero schiere di appassionati che ne seguissero le orme da decenni.

 

Così accanto alle opere degli ultimi anni (“La principessa Mononoke” del ’97, “La città incantata” del 2001, “Il castello errante di Howl” del 2004, “Ponyo sulla scogliera” del 2008), via via sempre più apprezzate, c’è stato il recupero (grazie alla Lucky Red che li ha pure distribuiti in sala) di alcuni capolavori di una ventina d’anni fa, “Il mio vicino Totoro” dell’88 e questo del 1992. Ricordiamo inoltre che a partire dal 2010 lo Studio Ghibli ha cominciato a pubblicare in Blu-Ray tutto il catalogo dei suoi film più importanti, sottoponendo le opere ad un lavoro di restauro del video e di rimasterizzazione audio.  Non tutto però è giunto da noi in Europa - alcuni film ancora non sono approdati qui da noi; ma non è ancora il caso di disperarsi, bisogna pazientare - così com’è stato concepito nella terra madre, il Giappone, soprattutto per quel che concerne i contenuti extra, assai più copiosi e completi nelle originali edizioni.  “Porco Rosso” è un progetto assai personale ed era stato concepito per via della grande passione del maestro giapponese (Tokyo, 5 gennaio 1941) per il mondo dell’aviazione ed originariamente il progetto prevedeva un breve cortometraggio per la Japan Airlines, poi lievitato nella mente del regista per trasformarsi in un lungometraggio compiuto. Nell’incipit, sui titoli di testa, nove topini battono a macchina in lingue diverse: «Questo film narra la storia di un maiale, soprannominato Porco Rosso, che si batte contro i pirati del cielo a rischio del suo onore, della sua donna e dei suoi beni, ambientata nel Mar Mediterraneo all’epoca degli idrovolanti». E già questo può essere sufficiente a rendere conto del magistrale lavoro creativo di Miyazaki assecondato dal mitico Studio Ghibli. Quello che sorprende (negativamente) circa il ritardo con cui questo film si è reso disponibile nel nostro paese è il fatto che a suo tempo Miyazaki aveva descritto questo suo lavoro come un atto d’amore nei confronti della cultura italiana tant’è che il protagonista – Marco Pagot, alias Porco Rosso, un ex pilota di idrovolanti uscito indenne dalla Grande Guerra, e misteriosamente trasformato in un eccentrico maiale antropomorfo -, ora cacciatore di taglie, che rifiuta di mettersi al servizio del regime fascista (‘Porco Rosso’ era proprio l’insulto con cui i fascisti apostrofavano i comunisti), sorvola con il suo aereo i mari dell’Adriatico e del Mediterraneo, e si ritrova persino a Milano, dove si reca per riparare il suo biplano rosso fuoco presso la celebre officina Piccolo, ai Navigli. Porco Rosso disegna nel cielo ardite traiettorie e si porta dentro la nostalgia del passato ed il ricordo dei compagni caduti in guerra, ed ingaggia un duello nei cieli con un aviatore americano, Donald Curtis, incaricato di eliminarlo... Un piccolo capolavoro d’animazione, pura poesia assistita da un magnifico disegno, perché Miyazaki infonde passione nelle sue opere e siamo a conoscenza – cosa che vien resa manifesta in alcuni particolari della storia narrata - che egli ha anche un debole per gli aerei dell’epoca indotto in lui dall’appartenere ad una famiglia che in tempo di guerra produceva componenti per aerei militari. Il trasferimento in High-Def assicura al film una qualità video come non se ne era mai goduto precedentemente; le immagini sono nitide, i colori vividi, vibranti tra il rosso e il blu,  … ed affiora solo un velo di grana per nulla fastidioso. Audio senza infamia e senza lode rielaborato in un rivitalizzante DTS-HD Master Audio 2.0 sia per la traccia italiana che per quella originale giapponese con una minima differenza di range dinamico a favore della seconda. Tra gli extra il contributo più interessante appare essere lo Storyboard assai dettagliato; c’è poi un’intervista al produttore Toshio Suzuki e il trailer giapponese del film della durata di circa 8’.

 

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA


NOTE TECNICHE
Il Film

PORCO ROSSO

(Kurenai no buta)

Giappone, 1992, 93’
Regia: Hayao Miyazaki

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect Ratio: 1.85:1 1080p AVC
Audio: Italiano, Giapponese DTS-HD Master Audio 2.0
Distributore: Lucky Red/Medusa

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Pino Daniele - Napule è [1977] Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio del 2015 se ne andava Pino Daniele (era nato a Napoli il 19...
IMAGE Richie Valens - La Bamba [1958] In origine "La Bamba" nasceva come brano folkloristico di musica messicana, poi è stata portata ad...
IMAGE Archies - Sugar Sugar [1969] Assai singolare la genesi di "Sugar, Sugar": il brano, un classico della bubblegum music scritto da...
IMAGE Adamo - Affida una lacrima al vento [1968] Salvatore Adamo, figlio di emigranti italiani, nato in Italia ma cresciuto in Belgio, dopo aver...
IMAGE Aphrodite's Child - It's Five O'Clock [1970] Dopo il clamoroso successo ottenuto con "Rain and Tears" nel '68, e bissato da "End Of the World",...
IMAGE Anita Ward - Ring My Bell [1979] Successo dell'era della Disco Music "Ring My Bell" veniva interpretato nel 1979 da Anita Ward al...
IMAGE David Bowie - Space Oddity [1969] "Space Oddity" è una delle più celebri canzoni di David Bowie e venne pubblicata come singolo...