WORLD WAR Z 3D di Marc Forster in Blu-Ray

 
 
 
Una variante a quel cinema di fantascienza post-apocalittica che abbiamo riscontrato in film recenti quali “Oblivion” o “After Earth” è costituita dalla declinazione alla voce zombi/morti viventi. Nemmeno – in verità – un’autentica novità visto che sulla materia si hanno illustri precedenti come ad esempio “Io sono leggenda”.

 

 

Va però sottolineato come la figura degli zombi abbia assunto ultimamente contorni orrorifici molto accentuati al contrario di quella dei vampiri che in qualche misura, diciamo, è stata piuttosto edulcorata (belli, maledetti e noiosi appaiono oggi). Sotto forma di blockbuster spettacolare (tra effetti digitali e 3D) questo film sui morti viventi è tratto dal romanzo culto del 2006 "World War Z: La guerra mondiale degli zombi" di Max Brooks, figlio di Mel Brooks e Anne Bancroft. Salvare il mondo da un’invasione di zombi inquietanti, pronti a ‘contaminare’ ed infettare la razza umana, è la missione di cui si fa carico Brad Pitt nei panni di Gerry Lane, padre di famiglia come tanti, ex-funzionario delle Nazioni Unite. L’eroe di turno – ‘suo malgrado’, come tanti altri visti sul grande schermo negli anni – preposto a risolvere la questione, non è affatto preparato a tale evenienza e gioca tutto sull’intuito mentre gira per il mondo (dalla Corea a Gerusalemme al Galles, dopo essere partito da Philadelphia) alla ricerca di una soluzione per isolare il virus e debellare la minaccia. Assai facile la lettura trasversale che in controluce fa leggere il film come metafora della crisi economica mondiale e d’una ‘pandemia’ più generalizzata che attanaglia la società contemporanea, tra tensioni internazionali e terrorismo. Ma al di là delle letture politiche il film rimane un blockbuster votato allo spettacolo puro – più ‘disaster movie’ alla Roland Emmerich che ‘horror movie’ - e su questo fronte non lascia per nulla indifferente lo spettatore e lo tiene inchiodato alla poltrona. Ed anche il muro (apparentemente insuperabile) costruito a difesa della città – in una delle sequenze più memorabili del film assieme a quella di un attacco a bordo di un elicottero - evoca suggestioni intorno al Muro di Berlino o a quello del Pianto e viene superato in un autentico ‘coup de théâtre’ con gli zombi che in maniera vorticosa vanno a comporre una piramide umana. Notevoli le scene apocalittiche di massa, efficace il senso di panico e di caos che si scatenano tra la popolazione che si alternano ad altre dal deciso umore claustrofobico. “World War Z” si trasforma così in un thriller-horror carico di adrenalina in un contesto da fine dell’umanità (sulla scia di film quali “Contagion”, “28 giorni dopo”, “La città verrà distrutta all'alba” o “Resident Evil” e la serie tv “The Walking Dead”), ma senza il ricorso ad eccessi splatter (bisognava pure salvaguardare il grosso budget di 190 milioni di $), necessario per ottenere il rating PG 13 dalla censura. In definitiva sono zombi che hanno poco da spartire con quelli che George A. Romero consegnò all’immaginario collettivo con il suo classico del 1968 (“La notte dei morti viventi”); se cercate emozioni forti rivolgetevi altrove, se volete trascorrere una serata di buon intrattenimento accomodatevi pure. La regia è di Marc Forster, già regista di “Neverland - Un sogno per la vita” (2004) e del mgnifico “Quantum of Solace” (2008) dalla saga dell'agente 007, alias James Bond. Nel cast troviamo anche il nostro Pierfrancesco Favino che, pezzo dopo pezzo, partecipazione dopo partecipazione, si sta facendo apprezzare oltreoceano. Il film, che nelle intenzioni dei produttori (tra i quali c’è pure lo stesso Pitt) dovrebbe essere il primo di una trilogia, ha avuto qualche travaglio produttivo tant’è che sovente poggia su incongruenze e vuoti di sceneggiatura, su personaggi appena abbozzati o presto dimenticati (ad indicare probabili, frettolosi, ‘final cut’ che li hanno esclusi parzialmente), ma si tratta di elementi che bene o male si possono perdonare se lo scopo finale – come detto - rimane l’intrattenimento puro.
Edizione stereoscopica con codifica di eccellente fattura tecnica. La pellicola originariamente è stata filmata in un mix di Alta Definizione e 35mm e conserva intatte le sue prerogative nel trasferimento in HD pur senza mantenere identica omogeneità per l’intera durata. Le immagini sono luminose e ben contrastate con neri solidi e apprezzabile senso di tridimensionalità, magnifiche le panoramiche, per compattezza e apertura spaziale, interessanti le riprese aeree per dettaglio, profondità e originalità nel taglio delle riprese, ottima la texture di abiti e volti soprattutto nei frequenti piani ravvicinati, ben bilanciata la palette cromatica. La stereoscopia non è invasiva, in quanto ad effetti pop-up fini a se stessi, ma funzionale alla narrazione ed offre sicuramente elementi aggiuntivi alla godibilità della visione. Il comparto audio si offre all’ascolto nella versione originale con un robusto DTS-HD Master Audio, assai dinamico e nitido e che impegna tutto il fronte dei diffusori satellitari, anche si avverte un uso eccessivamente esuberante sul frontale. La traccia italiana comunque non sfigura e mantiene corposità, vibrante intensità e ricchezza di dettagli negli effetti panning e d’ambienza. Un risultato complessivo che si attesta su livelli referenziali. Gli extra prevedono lo speciale “WWZ: La Produzione” (36’), documentario in quattro parti incentrato sulla realizzazione del progetto, sugli effetti visivi, poi ci sono “Le Origini” (8’), contenente interviste al cast e ai realizzatori, e “La Scienza” (7’) relativa all’attendibilità di una pandemia generata dagli zombi.


(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Paramount/Universal Pictures)


NOTE TECNICHE
Il Film

WORLD WAR Z 3D

(World War Z)

Usa, 2013, 116’
Regia: Marc Forster
Cast: Brad Pitt, Mireille Enos, James Badge Dale, Daniella Kertesz, Matthew Fox, David Morse, Fana Mokoena, Abigail Hargrove, Pierfrancesco Favino.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect Ratio: 2.40:1 1920x1080p/ AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS-HD Master Audio 7.1
            Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo  Dolby Digital 5.1
Distributore: Paramount/Universal Pictures