Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Informativa Estesa Cookie

Home Video

WILD AMERICA e WILD INDIA in Blu-Ray

 

 

 
 
 
Prosegue, in maniera davvero apprezzabile, lo sforzo della Cinehollywood per divulgare e promuovere i magnifici documentari prodotti da National Geographic. Questa è la volta di scoprire le zone e la fauna più selvagge delle Americhe e dell'India.
 

 

 

Da diversi anni il genere Documentario si è ritagliato uno spazio significativo nella programmazione in sala ma ancora più sorprendente è quello che sta succedendo a livello di Home Entertainment con l’avvento del Blu-ray. Le nuove tecnologie, che esaltano la bellezza e la varietà delle riprese, stanno aprendo con successo il mercato a documentari naturalistici, storici o relativi a ricostruzioni virtuali (in digitale) di epoche lontane nel tempo. Si tratta di un fatto per molti versi epocale perché segna lo sdoganamento ‘hi-teach’ di determinati materiali - il documentario d'autore approda all'alta definizione - perché la qualità di quanto viene proposto, frutto di competenze di alta professionalità, sta convincendo anche i più integralisti tra i consumatori casalinghi di film; quelli stessi che nei decenni passati mai e poi mai avrebbero prestato attenzione ai ‘pallosi’ documentari sugli animali che popolano la Savana o sull’elaborazione di teorie scientifiche sulla formazione del sistema solare. Ora, in questo ambito, si distingue il lavoro della Cinehollywood, assai attiva nel settore da circa un trentennio, con una library di titoli distribuiti in High-Def (serie della BBC, di Discovery Channel, di National Geographic) da far impallidire anche le Major del Cinema. Su questi binari i due titoli pubblicati di recente, “Wild America” (2 blu-ray, 2011 National Geographic/Cinehollywood) e “Wild India” (1 blu-ray, 2011 National Geographic/Cinehollywood) sono progetti magnifici che hanno richiesto – com’è consuetudine per National Geographic – un accurato lavoro di realizzazione durato alcuni anni e l’impiego di ingenti mezzi produttivi per arrivare a raccontare cose (la natura, la vita degli animali allo stato selvaggio) che – detto in modo fortemente semplificativo – non sono proprio alla portata (quotidiana) di tutti. L’occasione anche per fruire di documentari di altissimo profilo tecnico e qualitativo, e spesso corredati da un taglio squisitamente cinematografico. Il formato è quello (classico) consolidato nello stile riconoscibile di National Geographic relativo ai grandi documentari naturalistici che rende felici i fruitori abituali di canali tematici e sorprenderà i giovani e giovanissimi (potenziali) nuovi fruitori.


Il doppio Blu-Ray “Wild America” è suddiviso in quattro capitoli da 45’ (le Montagne, le Coste, i Deserti, le Foreste), attraverso i quali veniamo condotti per mano nell’esplorazione di luoghi distanti e (talvolta) estremi a stretto contato con gli animali che vi vivono e che hanno affinato le loro straordinarie capacità di sopravvivenza. Territori – siano essi nel deserto o sulle gelide coste dell’Oceano Atlantico - fotografati con magnifiche immagini che riempiono lo schermo del vostro impianto e lo sguardo di chi ne fruisce. Nel primo disco viene tracciato il profilo delle grandi catene montuose del Nord e del Sud America che si estendono per oltre 15mila chilometri dall’Alaska fino alla Terra del Fuoco attraverso immagini di rara bellezza che esplorano luoghi (spesso) inaccessibili all’uomo popolati da incredibili flora e fauna. Le Coste si affacciano sui due più grandi Oceani del globo, il Pacifico e l’Atlantico, e poiché l’America è l’unico continente che occupa quasi ogni latitudine il documentario offre pure una serie di paesaggi fortemente in contrasto tra di loro; dalle gelide acque dell’Artico – dove assistiamo alla sfida quotidiana di migliaia e migliaia di pinguini di Humboldt che provano a superare una scogliera di trenta metri prima di poter nidificare - fino ai paradisi turistici dei Caraibi.

Nel secondo disco ci si concentra sulle zone desertiche del pianeta, luoghi estremi in cui la sopravvivenza diventa determinante non solo per l’uomo ma anche per gli animali; nella seconda parte invece si racconta la vita animale nelle Foreste, sottoposte alle diverse aree climatiche delle diverse latitudini, dando rilievo agli ecosistemi che si sono insediati in quei luoghi. Dai grizzly delle Montagne Rocciose ai pipistrelli impollinatori dalla lingua lunga, dal topo delle cavallette che ulula alla luna agli spettacolari branchi di  mobule che "volano" fuori dall'acqua, dai misteriosi giaguari ai delfini rosa d'acqua dolce, il continente americano offre uno straordinario campionario di meraviglie visive, sia per quel che concerne la fauna, sia per il paesaggio. Qualche esempio? Gli scorpioni dell’Arizona sono predatori notturni solitari, e reagiscono attaccando alla cieca qualunque cosa li minacci o li provochi; possono essere lunghi da 10 a 18 cm e rappresentano la specie di scorpioni più grande del Nord America. Oppure i cosiddetti Topi delle Cavallette; se due di essi dello stesso sesso si ritrovano confinati nello stesso ambiente, nel giro di 72 ore l’esemplare dominante uccide l’altro. Il topo delle cavallette ha la singolare abitudine di “ululare alla luna”; si pensa che tale ululato rappresenti un richiamo di carattere sia sessuale che di caccia. I fenicotteri del Cile sono protagonisti di un’incredibile rituale di corteggiamento collettivo a cui spesso danno il là gli uccelli maschi; i gesti che caratterizzano la loro danza richiamano le normali attività di questi animali, come quella di stirarsi e lisciarsi le penne. Il serpente a sonagli (altrimenti detto crotalo adamantino occidentale) ha un carattere eccitabile e aggressivo, e tende ad attaccare più per difendersi che non per offendere e negli USA è la specie di ofidi che fa più morti di qualunque altra.
“Wild India” si compone di tre capitoli di 45 minuti l’uno, “Il Libro della Giungla”, “Il Regno degli Elefanti”, “Il Deserto dei Leoni”. Un territorio – quello dell’India - che equivale a solo il 2% della superficie terrestre, ma su cui si ammassa in pratica un quinto della popolazione mondiale (oltre un miliardo di persone); questo, assieme all’altro elemento emerso negli ultimi anni, ovvero l’enorme crescita esponenziale dell’economia del paese, non impedisce al paese di ospitare una natura selvaggia e territori inesplorati, popolati da animali selvaggi e pericolosissimi predatori. Terra suggestiva che questo documentario in Alta Definizione restituisce allo spettatore in tutta la sua straordinaria bellezza. Il cofanetto è composto da 3 filmati. “Il Libro della Giungla”: prendendo in prestito il titolo del celebre romanzo di Rudyard Kipling, il capitolo racconta delle giungle posizionate nell’India centrale, lontano dalle grandi e popolatissime metropoli urbane, luoghi che hanno una storia antichissima; si tratta di aree assai ampie ed ancora incontaminate, dove vivono numerose specie di animali selvaggi, dagli orsi, ai cinghiali, dalle scimmie, alle manguste. “Il Regno degli Elefanti”: ci fa fare la conoscenza con gli ultimi branchi di erbivori giganti, che vivono a 160 chilometri a sud della catena dell’Himalaya, nello stato di Assam. Ma non solo, seguiamo pure altre razze, il rinoceronte indiano ora in via di estinzione, il bufalo indiano, il cui carattere irascibile lo rende uno degli animali più pericolosi del mondo. “Il Deserto dei Leoni” fa riferimento al deserto dell’India nord occidentale, uno dei luoghi più intriganti del pianeta, ma anche uno dei più desolanti e pericolosi. In questa regione, chiamata Marusthali, la “regione della morte”, il documentario ci guida alla scoperta del leone asiatico, uno dei felini più rari al mondo, che grazie alla sua forza e al suo coraggio è considerato l’emblema nazionale indiano.
Il tutto è corroborato da grandiose immagini in HD, ci vengono offerte riprese spettacolari che raccontano, con ricchezza di particolari e affascinanti sequenze (ottenute con l’ausilio di mezzi tecnici innovativi e straordinari: telecamere RED ad altissima definizione, telecamere super slow-motion Phantom HD, lo speciale sistema “Frankencam” e il dolly “Black Widow”, steadycam Heligimble), aspetti altrimenti sconosciuti del mondo animale più selvaggio.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

WILD AMERICA / WILD INDIA

(Wild America/Wild India)

Usa, 2012, 180’ + 135’

 

Informazioni tecniche del Blu-Ray
Video: 1.78:1 / 1920x108i (AVC/MPEG-4)
Audio: Italiano, Inglese  Dolby True HD 5.1 / Italiano Dolby True HD 5.1 - Inglese Dolby Stereo 2.0
Distributore: National Geographic/Cinehollywood
Prezzo: Euro 29,99 [2 BD + booklet] / 19,99 [BD + booklet]

 

Se sei interessato all'acquisto:

 

         

Pubblicità

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Equipe 84 - Pomeriggio: ore 6 [1970] Nel 1970 l'Equipe 84 incideva "Pomeriggio: ore 6", versione italiana (curata per arrangiamento e...
IMAGE Nancy Sinatra - 007 You Only Live Twice [1967] "You Only Live Twice", cantata da Nancy Sinatra nel 1967 su musiche composte da John Barry, è il...
IMAGE Enzo Jannacci - Vengo anch'io no tu no [1968] Nel 1968 "Vengo anch'io no tu no" portò al successo (arrivò fino al 1° posto nella Hit Parade) e...
IMAGE Style Council - Shout To The Top! [1984] "Shout to the Top!", scritta da Paul Weller nel 1984, è stato il settimo singolo pubblicato dagli...
IMAGE James Brown - Say It Loud - I'm Black and I'm Proud [1968] "Say It Loud – I'm Black and I'm Proud", brano funk lanciato nel 1968 da James Brown e scritto...
IMAGE Mick Jagger - Memo From Turner [1970] Nel 1970 Mick Jagger debuttava sugli schermi interpretando da protagonista due film; il primo era...
IMAGE Dire Straits - Walk Of Life [1985] "Walk of Life", composta da Mark Knopfler, è una canzone dei Dire Straits, uno dei maggiori...

Siti consigliati