Home Video

IL CASTELLO NEL CIELO in Blu-Ray

 
 
 
Assolutamente da recuperare “Il Castello nel Cielo”. La visione di quest’ennesimo capolavoro del maestro giapponese Hayao Miyazaki, del 1986, ci riconcilia con un mondo dell’animazione d’antica fattura – rispetto ai rutilanti ritrovati digitali d’ultima generazione – ma di non minore efficacia espressiva.

 

 

In molti di coloro che si metteranno comodi alla visione del film questi susciterà la nostalgia per un certo lirismo che potrebbe (erroneamente) apparire smarrito. Invece - e si sappia – l’attività del prestigioso Studio Ghibli, proprio grazie al successo cui è andato incontro nell’ultimo decennio il suo creatore, ha goduto di un poderoso rilancio d’immagine che ha concorso al rilancio di un certo cinema d’animazione tradizionale, che non ha bisogno dell’effettistica digitale né tantomeno del 3D per incantare il pubblico adulto e quello universale dei bambini, e nello stesso tempo offrire spunti di intelligente riflessione.

Costruito sugli schemi consolidati dell’avventura vi sono già ben delineate le tematiche care al maestro giapponese, con tutto il corollario di poesia e fantasia che opere successive – più affermate - hanno aiutato a rendere riconoscibili in Miyazaki: ovvero il pessimismo riguardo la natura umana, le esigenze della Natura troppo spesso corrotta e messa a repentaglio dall’insensatezza degli adulti, il percorso di maturazione dell'individuo, l’ossessione per il volo e l’astrazione cui si può giungere quando si è a bordo di un velivolo, l’amore come mezzo di pacificazione serena. La fantasia come metafora della vita. Protagonista sono la piccola Sheeta e il coraggioso ed indomito sognatore Pazu; la prima porta al collo una pietra fatata che pare collegato alla leggendaria Laputa (una città favoleggiata sospesa tra le nuvole che nasconde un tesoro) su cui vogliono mettere le mani pirati e militari, il secondo è un giovane minatore che vuole a tutti i costi proseguire nelle ricerche avviate dal papà (scomparso) di questa misteriosa “isola che non c’è”. Lei, per sfuggire ai pirati, cade da un aereo e lievitando nell’aria approda tra le braccia di Pazu che inizia a prendersi cura di Sheeta… Laputa – per la cronaca - era la città del cielo de “I viaggi di Gulliver” di Jonathan Swift.

 

 “Il Castello nel Cielo” rappresenta il film d'esordio dello Studio Ghibli fondato a Tokyo nell'85 da Hayao Miyazaki e Isao Takahata: Miyazaki, oltre che della regia, è artefice del soggetto, della sceneggiatura, ed ha disegnato i personaggi e ideato i modellini delle macchine volanti, lui, esperto di aeronautica perché figlio di un costruttore di motori per l'aviazione nipponica. Sappiate che il film – un autentico capolavoro e non ‘semplicemente’ una pellicola d'animazione - è arrivato sui nostri schermi ‘solo’ in questo 2012, a ‘soli’ 26 anni dalla sua creazione.
Sotto il profilo tecnico quello che sorprende (e non poco) di questo lavoro dell’86 è la capacità di trasmettere nitida la sensazione degli spazi e della tridimensionalità senza il bisogno – e la data di realizzazione della pellicola è lì a certificarlo – di ricorrere ad artifici che la tecnologia digitale a messo a disposizione dei realizzatori. Soggettive che sembrerebbero impossibili, afferrate volteggiando nel cielo o intorno ad un’improbabile (ma non per la fantasia) città sospesa tra le nuvole. I disegni, le immagini, il cromatismo, i dettagli, la dinamica dei movimenti, sono tutti elementi che vanno visti con un occhio diverso da come ci siamo abituati a fare dinanzi alle opere della Walt Disney, della Pixar e quant’altri in questi ultimi anni hanno ‘occupato’ la fantasia e i sensi nostri e dei nostri figli per primi. Una concezione diversa che è pure un sano ritorno ad una ‘purezza’ dimenticata e non per questo da ‘scartare’. Gli extra contemplano lo storyboard (interessante davvero per avvicinarsi meglio alla concezione originaria dell’animazione di Miyazaki), i trailer, più un video-clip promozionale.

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Il Film
IL CASTELLO NEL CIELO
(Tenku no shiro Laputa)
Giappone, 1986
Regia: Hayao Miyazaki

 

Informazioni tecniche del Blu-Ray
Durata: 125'
Aspect Ratio: 1.85:1 / HD 1920x1080p
Audio: Italiano  DTS-HD 2.0 Master Audio
            Giapponese Dolby Digital 2.0
Distributore: Lucky Red/Medusa
Prezzo: Euro 19,90

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Siti consigliati