Home Video

1941: ALLARME AD HOLLYWOOD di Steven Spielberg in Blu-Ray

 

 

 

 
Per molti anni, nell’era del DVD prima e del Blu-Ray poi, “1941: Allarme a Hollywood” è stato un film ‘invisibile’ che tutti gli appassionati di Cinema mettevano in cima alla lista dei desiderata, non tanto perché fosse un capolavoro, certamente no!, ma semplicemente perché era incomprensibile che fosse l’unico film di un regista importante come Steven Spielberg a non essere ancora stato pubblicato sul mercato dell'HE, e ancora perché il tempo ha trasformato questo lavoro imperfetto in un cult-movie per numerose ragioni di cui la prima e (ritengo) insindacabile è la presenza di John Belushi quale protagonista. Questa nuova edizione, estratta dal catalogo Hollywood Classics della Universal, è curata da Koch Media. 
 

 

 

 

Nel 2011 arrivava una prima edizione in DVD (imprevedibilmente) da Pulp Video per (l’allora) Cecchi Gori Home Video, ed oggi assolutamente introvabile sul mercato, e poi successivamente un’edizione in Blu-Ray, ad opera della Universal, assai interessante e che conteneva sia la versione ‘Theatrical Cut’ che quella ‘Extended Cut’. Una volta scomparso (colpevolmente) dai radar della Universal, e messo fuori catalogo, “1941” viene oggi recuperato alla visione domestica grazie a Koch Media che, in virtù di un accordo preesistente, l’ha prelevato dal catalogo Hollywood Classics. Il film, lo ripetiamo, è un ‘must’ per tutti i cultori di Cinema di qualunque ‘ragione sociale’ siano culturalmente appartenenti. Su una sceneggiatura scritta da Bob Gale e Robert Zemeckis (anni dopo, nell’85 artefici di “Ritorno al Futuro”), in un primo momento doveva titolarsi “The Night the Japs Attacked”, avere un profilo drammatico ed essere diretto da John Milius. Poi era proprio Steven Spielberg ===Consulta la Filmografia===, seppur poco convinto e reduce dal successo di “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, a mettersi alla testa di un progetto che negli annali sarebbe risultato essere l’unico suo flop in carriera. Intanto l’ingaggio di Belushi (il suo ruolo era stato offerto a John Wayne e a Charlton Heston che avevano rifiutato) ed altri aggiustamenti nella sceneggiatura l’avevano trasformato in qualcosa di totalmente diverso. A determinare l’insuccesso non è stata la qualità del film – che ha alcuni momenti straordinari – quanto piuttosto il modo con cui viene sbeffeggiato il popolo americano nel raccontarne, con grande ironia ed ilarità, la psicosi da invasione subito dopo l’attacco giapponese a Pearl Harbour del 13 dicembre 1941. Questo è fondamentalmente un film comico sulla follia della guerra che, prendendo di mira alcuni valori fondanti, ridicolizza il popolo americano. 35 milioni di dollari all'epoca il budget di produzione ed un incasso in America di soli 31 milioni; migliore la risposta europea con circa 60 milioni di dollari. “1941: Allarme a Hollywood” è ricco di geniali invenzioni che fanno passare in secondo piano le lacune di una sceneggiatura (forse) confusionaria, si ride di gusto tra gag, slapstick e trovate surreali, ci sono tanti effetti speciali che rendono più ricco il piatto servito. Nonostante un cast ricchissimo, in quanto a presenze di attori (Dan Aykroyd, Treat Williams, Warren Oates, Toshiro Mifune, Christopher Lee, Robert Stack, John Candy, Ned Beatty, Nancy Allen, Slim Pickers) e registi (Samuel Fuller, John Landis che, senza barba, è il portaordini in motocicletta) ben distribuite nella struttura ad incastro del corpo narrativo, il vero traino di “1941” è l’indimenticabile John Belushi ===Consulta la Filmografia===, nei panni del capitano Wild Bill Kelso, la cui debordante fisicità produceva una comicità delirante e trasversale rispetto ai canoni in voga all’epoca. Sigaro in bocca, decisamente alterato dall’alcol, sguardo nevrotico nell’ossessione della caccia ai giapponesi, nemici che egli vede dappertutto. In uno scenario semi-bellico si intrecciano le tante storie che animano l’opera. Tantissimi i riferimenti metalinguistici e le citazioni cui rimanda, a cominciare da quella scena iniziale con la ragazza in acqua che evoca il momento più teso dell’incipit de “Lo squalo” salvo poi sciogliersi in una risata fragorosa quando ad emergere dalle acque è un sommergibile giapponese, oppure quando il generale Stilwell è in lacrime in una sala cinematografica a godersi pacioso “Bambi”, o quando Kelso cerca di abbracciare sott’acqua il sottomarino giapponese ricordandoci lo Slim Pickers a cavallo della bomba in “Il Dottor Stranamore”, mentre la scena della stazione di servizio all'inizio ci porta dalle parti di “Duel”; inoltre l’aereo guidato da Belushi ha sul muso disegnati i denti di uno squalo. Qualche anno dopo l’uscita Spielberg ha curato una Director’s Cut con 28’ supplementari che è approdata solo in laser-disc e solo successivamente, nel 1999, in DVD, poi (come detto) in Blu-Ray.

TECNICA
La nuova edizione del film ripropone lo stesso master e gli stessi materiali dell’edizione curata dalla Universal; quindi con presenza delle due versioni Theatrical Cut & Extended Cut. L’aspect ratio è sempre 2.39:1 (1920 x 1080/23.97p), codifica AVC/MPEG-4 su BD-50. Se la versione standard è più che accettabile, con palette cromatica vivace e neri solidi e convincenti, un po’ meno lo è quella Director’s Cut su cui non è stata operata alcuna pulizia. Per la traccia in italiano l’audio è in un semplice DTS-HD Master Audio 2.0 (16 bit); mancano alcuni frammenti del doppiaggio dell’epoca sulla versione theatrical mentre per quella extended le parti aggiunte hanno i dialoghi originali sottotitolati. Di certo più gradevole e migliore sotto il profilo prettamente tecnico la traccia originale inglese in DTS-HD Master Audio 5.1. Non ci sono Contenuti Extra.

 

(Luigi Lozzi)                                                          © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

    

NOTE TECNICHE
Il Film 

 1941: ALLARME A HOLLYWOOD

(1941)
Usa, 1979, 119’ + 146’
Regia: Steven Spielberg
Cast: John Belushi, Dan Aykroyd, Ned Beatty, Christopher Lee, Toshiro Mifune, Nancy Allen, Robert Stack, Tim Matheson, Lorraine Gary, Warren Oates, Slim Pickens, Samuel Fuller, Treat Williams, Mickey Rourke.

 


Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 1080p @23.98fps 2.35:1

Audio: Italiano DTS HD Master Audio 2.0, Inglese DTS HD Master Audio 5.1
Distributore: Universal/Koch Media

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Pino Daniele - Napule è [1977] Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio del 2015 se ne andava Pino Daniele (era nato a Napoli il 19...
IMAGE Richie Valens - La Bamba [1958] In origine "La Bamba" nasceva come brano folkloristico di musica messicana, poi è stata portata ad...
IMAGE Archies - Sugar Sugar [1969] Assai singolare la genesi di "Sugar, Sugar": il brano, un classico della bubblegum music scritto da...
IMAGE Adamo - Affida una lacrima al vento [1968] Salvatore Adamo, figlio di emigranti italiani, nato in Italia ma cresciuto in Belgio, dopo aver...
IMAGE Aphrodite's Child - It's Five O'Clock [1970] Dopo il clamoroso successo ottenuto con "Rain and Tears" nel '68, e bissato da "End Of the World",...
IMAGE Anita Ward - Ring My Bell [1979] Successo dell'era della Disco Music "Ring My Bell" veniva interpretato nel 1979 da Anita Ward al...
IMAGE David Bowie - Space Oddity [1969] "Space Oddity" è una delle più celebri canzoni di David Bowie e venne pubblicata come singolo...