Home Video

SMOKIN' ACES COLLECTION di Joe Carnahan e PJ Pesce in Blu-Ray

 

 

 

 

 

 

Da diverso tempo e con la consueta lungimiranza Koch Media ha iniziato a (ri)pubblicare titoli della Universal andati fuori catalogo permettendo a molti appassionati di recuperare film di indubbio interesse collezionistico. È la volta dei due film ‘Pulp’ della saga di “Smokin’ Aces” riuniti in un imperdibile cofanetto.
 

 

 

 

 

Se è sgangherato allora è 'Pulp', e se è 'Pulp' allora interesserà a molti e, ancora meglio, se sarà bocciato in sala non potrà non essere che un successo in Home Entertainment. Questa un po’ la regola sottaciuta che accompagna un ‘certo’ tipo di film da parte di un ‘certo’ tipo di spettatori. Un giorno a mettere insieme un po’ di titoli ad ‘hoc’ si riuscirebbe a concepire una bella rassegna di quel cinema ‘Pulp’ che ha preso avvio dal capolavoro di Tarantino del 1994. Qualche titolo per una ‘full immersion’ con gli amici? Intanto si può partire con “Una vita al massimo” del compianto Tony Scott, fratello di Ridley, morto suicida, con lo zampino di Quentin nella sceneggiatura, e poi aggiungere alla rinfusa “Crank 1 & 2”, “Rocknrolla”, “Kiss Kiss Bang Bang”, “Grindhouse/PLanet Terror”, “Vendicami” di Johnnie To e, perché no, “Milano Calibro 9” di Fernando Di Leo. Tra questi troverebbe certamente spazio anche il godibilissimo “Smokin’ Aces”, sorretto dal ritmo adrenalinico e tambureggiante, che si è conquistato la considerazione dei fan soprattutto con il passaparola nel circuito dell’Home Entertainment. La storia si racconta con poche battute: Buddy Israel, un ex personaggio del mondo dello spettacolo, si lascia pian piano prendere da giri loschi e si associa con la Mafia. Pressato dall’FBI decide di vuotare il sacco contro la sua organizzazione criminale. Questa sguinzaglia sulle sue tracce i killer più feroci; dall’altra parte ci sono poliziotti non meno determinati a salvaguardare l’incolumità del prezioso testimone. Siamo sul versante del filone ‘graphic novel’ che mescola lo stile fumettistico-poliziesco a quello dei videogame. “Smokin' Aces” gioca tutte le sue carte su un’idea di base: far convergere tutti i temibili killer che popolano il film e gli sbirri più tosti nello stesso posto, e stare a vedere che succede, controllare quale livello di adrenalina si possa raggiungere. Da segnalare la sorprendente ed ottima prova di Jeremy Piven, capace di dare i giusti contorni al personaggio del testimone Buddy Israel, mentre la presenza di Ben Affleck, con insoliti baffi alla Fu Manchu, passa come un soffio, anche perché muore subito, così come quella di uno scialbo e inespressivo Ryan Reynolds, mentre possiamo sottolineare la presenza della cantante Alicia Keys (al debutto sul grande schermo), sufficientemente a suo agio. Tom Berenger, invece è il protagonista del secondo film. Il trasferimento in High-Definition (con eccellente qualità delle immagini) esalta lo stile visuale voluto dal regista Joe Carnahan (qualche anno prima si parlava di lui come di un astro nascente per “Narc – Analisi di un delitto” del 2002, e un buon esito ha ottenuto pure il suo film successivo “The Team”) e del direttore della fotografia Mauro Fiore. Si fa predominante una componente di colori blu e giallo mentre, proprio nello stile ‘fumettaro’, vengono rimarcati i livelli del contrasto. Perfettamente funzionale alla violenza diffusa in tutto il film il comparto audio si segnala per puntualità, pulizia e dinamismo, grazie all’utilizzo pieno dei diffusori tutti ed alla efficace separazione dei canali. Ottimi, abbondanti e variegati gli Extra tra i quali segnaliamo, oltre al commento al film del regista e sceneggiatore Joe Carnahan e del montatore Robert Frazen, le featurette “Tutti schierati”, “The Big Gun: il pezzo grosso”, “Shoot ‘Em up: stunt ed effetti speciali”, “Finale alla cowboy”, poi ci sono Scene integrali e Scene eliminate e le Curiosità dal set.

Smokin’ Aces 2: Assassins’ Ball” arrivava ‘direct-to-video’ nella primavera del 2010; il film vive molto (ovviamente) della luce riflessa del primo capitolo, giudicato da tanti un ‘cult’ del genere Pulp. Sinossi: l'FBI scopre che è in atto un piano per eliminare Walter Weed, uno dei suoi impiegati. Il misterioso Hal Leuco ha incaricato diversi killer di uccidere Walter il 19 aprile, alle tre di notte in punto. Tra questi c'è una femme fatale esperta nel maneggiare veleni esotici, 'Il chirurgo' che tortura brutalmente le proprie vittime, un maestro nell'arte del travestimento e la famiglia Tremor. Questo secondo episodio è popolato di personaggi psicotici e sopra le righe, responsabilità indecifrabili e immancabile effluvio di ‘sangue & pallottole’ in una trama che però ricalca per sommi capi quella dell’altro film. Sono cambiati gli attori (il nuovo cast non è all’altezza) e la conduzione della regia (affidata a PJ Pesce mentre Joe Carnahan qui è solamente produttore esecutivo). Piacevole alla visione, troverà non pochi adepti pronti all’apprezzamento, ma decisamente inferiore al film di riferimento. Mancano lo stile visivo ed alcune trovate geniali che avevano caratterizzato il precedente film. Buona la qualità video complessiva del Blu-Ray ma una spanna al di sotto del precedente. Audio dignitoso ma non esaltante. La cosa migliore sono gli extra, in gran parte in HD, tra cui il commento di Carnahan e del regista Pesci, Scene eliminate, “Selezione scene con Joe Carnahan”, “Confessioni di un assassino”, “Gag Reel: papere”, “Pronti, mirare, fuoco: le armi di Smokin’ Aces 2”, “The Bunker Mentality: la progettazione del set”, “Posizionate il clown”.

 

(Luigi Lozzi)                                                 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures/Koch Media)

 

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film

SMOKIN’ ACES COLLECTION 

(Smokin’ Aces / Smokin’ Aces: Assassin’s Ball)
Gran Bretagna, Francia, USA, 2007/2010, 108’ / 86’
Regia: Joe Carnahan / PJ Pesce
Cast: Ben Affleck, Andy Garcia, Alicia Keys, Ray Liotta, Jeremy Piven, Ryan Reynolds, Peter Berg, Taraji P. Henson, Chris Pine, Martin Henderson, Jason Bateman, Joseph Ruskin, Alex Rocco, Wayne Newton, Common, Christopher Michael Holley, Curtis Armstrong / Tom Berenger, Vinnie Jones, Clayne Crawford.


Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 2.35:1 / 1.78:1 1920x1080p/AVC MPEG-4 24 fps

Audio: Italiano, Inglese DTS-HD Master Audio 5.1
Distributore: Universal/Koch Media

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Pino Daniele - Napule è [1977] Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio del 2015 se ne andava Pino Daniele (era nato a Napoli il 19...
IMAGE Richie Valens - La Bamba [1958] In origine "La Bamba" nasceva come brano folkloristico di musica messicana, poi è stata portata ad...
IMAGE Archies - Sugar Sugar [1969] Assai singolare la genesi di "Sugar, Sugar": il brano, un classico della bubblegum music scritto da...
IMAGE Adamo - Affida una lacrima al vento [1968] Salvatore Adamo, figlio di emigranti italiani, nato in Italia ma cresciuto in Belgio, dopo aver...
IMAGE Aphrodite's Child - It's Five O'Clock [1970] Dopo il clamoroso successo ottenuto con "Rain and Tears" nel '68, e bissato da "End Of the World",...
IMAGE Anita Ward - Ring My Bell [1979] Successo dell'era della Disco Music "Ring My Bell" veniva interpretato nel 1979 da Anita Ward al...
IMAGE David Bowie - Space Oddity [1969] "Space Oddity" è una delle più celebri canzoni di David Bowie e venne pubblicata come singolo...