Home Video

FIREWORKS – VANNO VISTI DI LATO O DAL BASSO? di Akiyuki Shinbo in Blu-Ray

 

 

 

 

 

 

Fireworks, vanno visti di lato o dal basso?” è l’anime realizzato dallo studio giapponese Shaft per la TOHO, con quello stile grafico elegante e poetico che abbiamo imparato ad amare con le opere di Hayao Miyazaki e dello Studio Ghibli, è disponibile sul mercato (grazie a Lucky Red) nella collana Anime Factory curata da Koch Media.

 

 

 

 

 

 


Il film, acclamatissimo in patria come pure in alcuni importanti eventi festivalieri, non ha avuto un passaggio nelle sale cinematografiche ed approda ‘direct-to-video’, ma questo non ne sminuisce affatto l’imprinting qualitativo. È un racconto di formazione nel quale i temi dell’adolescenza inquieta e ribelle alle soglie d’una età più matura ed adulta, sono toccati con efficacia e delicatezza. Nei 90 minuti della sua durata, il racconto, ambientato in una cittadina costiera, si dipana in una sonnolenta giornata estiva come che ne sono tante, ed utilizza lo stratagemma dei salti in avanti e indietro nel tempo per affrontare alcune tipiche tematiche di racconti adolescenziali di formazione, e sostanzialmente costituisce adattamento animato dell’omonimo drama ‘live action’ realizzato nel '93 per il piccolo schermo da Shunji Iwai.Fireworks – Vanno visti di lato o dal basso?” si avvale della regia di Nobuyuki Takeuchi e delle musiche del maestro Satoru Kosaki. Era stato il produttore Kawamura a pensare all’ipotesi di trasporlo in anime convinto che solo l’animazione avrebbe esaltato lo splendore dei protagonisti originali, in particolare della protagonista. Grazie ad una vicenda dalla vena poetica, alcune classiche problematiche adolescenziali (dalla ribellione alla fuga alla disperazione) si intrecciano con una componente ‘magica’ dal tocco vagamente sci-fi. La cura e l’insistenza con cui sono descritti alcuni particolari, esaltati dalla magia del tocco grafico, si traduce in poesia pura. Siamo all'inizio delle vacanze estive nella cittadina marittima di Moshimo; e mentre nella pigra e immobile quotidianità tra compagni di scuola si discute se gli imminenti fuochi d’artificio visti di lato siano sferici o piatti (da cui ha preso origine il titolo), Nazuna, una bella e indomabile ragazza contesa da due suoi compagni di classe, viene a sapere che sua madre convolerà a nozze per la terza volta e questo porterà a un nuovo, inevitabile trasferimento della famiglia e di conseguenza, al termine delle vacanze, la ragazza sarà costretta a cambiare scuola contro la sua volontà. La ragazza, disperata per la notizia, decide di scappare di casa accompagnata da uno solo dei due suoi spasimanti, dopo che questi si saranno sfidati in una gara di nuoto per decidere chi deve essere il privilegiato. A spuntarla è Norimichi il quale dispone di una misteriosa biglia, trovata in riva al mare, grazie al quale è capace di compiere spostamenti temporali in avanti e indietro per modificare il destino, o meglio quelle cose che non sono andate come sperato nella fuga d’amore dei due ragazzi e fare in modo che quella giornata diventi ‘perfetta’: è per loro l’ultima estate prima dell’ingresso nell’età adulta, con il suo carico di paure, sogni ed emozioni. Nella dimensione onirica d’una storia semplice ed adolescenziale di sogni, incertezze e di slanci sentimentali, di continui domandarsi “E se…”, è facile leggere tra le righe il desiderio di lasciare immutata, e quindi eterna, la propria adolescenza. Con gli occhi incantati degli adolescenti perfino i fuochi d’artificio citati nel titolo diventano oggetto di interrogativi (‘sono piatti o rotondi?’) che rispondono a punti di vista innocenti ed ancora incerti, prima che la disillusione e le malinconie si impossessino delle loro menti adulte, con la certezza che certi momenti rimarranno impressi per sempre nella memoria dei protagonisti. “Fireworks” è un racconto che si muove tra sogno e realtà, un viaggio nel tempo per raccontare una storia basata sulla forza dell'amore e l'ineluttabilità del destino, scandito da tematiche importanti come la forza dell'amore da un lato e il desiderio di affrancarsi dalle ingombranti figure genitoriali dall'altro. La regia delle animazioni è stata affidata a Nabuyuki Tacheuchi, reduce da numerose esperienze in seno allo Studio Ghibli. La resa finale visiva del racconto, calato in una dimensione a tratti onirica, è (graficamente) assai efficace - il disegno e la qualità delle animazioni confezionano un prodotto visivamente spettacolare -, facendo leva su colori sgargianti, animazioni fluide, effetti di luci raffinati e scenografie indovinate.
TECNICA
In un quadro tecnico generale di assoluta rilevanza qualitativa, con un quadro video ricco di colori e di dettagli nella definizione che non deluderanno di certo le aspettative degli appassionati del genere, il film è stato realizzato da Lucky Red e distribuito in DVD e Blu-Ray da Koch Media nella sua importante collana Anime Factory. Realizzato in computer grafica dallo Studio Shaft, con il character design di Akio Watanabe, il film offre anche nella sua versione Home-Entertainment un dettaglio e stile grafico di singolare bellezza tecnica e artistica. Per quel che concerne il fronte sonoro troviamo due tracce lossless in formato 5.1 DTS HD Mastar Audio, sia per l’ottimo doppiaggio italiano che per l’originale lingua giapponese. Entrambe le codifiche sono perfettamente bilanciate per ampiezza del suono, livellamento dei volumi e pulizia. All’interno delle Limited Edition, racchiuse in una elegante slip-cover di cartone, troviamo anche un booklet originale di 28 pagine ricco di contenuti interessanti quali una Introduzione, le Schede informative sui personaggi, Note di produzione, Una conversazione speciale: Shunji Iwai x Hitoshi Ohne x Akiyuki Shinbo, le Schede informative sullo Staff, la Traduzione del brano musicale di chiusura “UCHIAGEHANABI” (DAOKO x Kenshi Yonezu) ed infine un’Analisi a cura di Cristian Giorgi. A fronte di tanta bontà dobbiamo però (ahinoi!) lamentare l’assenza di Extra con l’eccezione del trailer del film.

 

 

(Luigi Lozzi)                                                    © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

Galleria immagini

 


(immagini per cortese concessione di Lucky Red/Anime Factory/Koch Media)

 

 

 

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film

FIREWORKS – VANNO VISTI DI LATO O DAL BASSO 

(Uchiage hanabi, shita cara miru ka? Yoko kara mitu ka?)
Giappone, 2017, 90’
Regia: Akiyuki Shinbo, Nobuyuki Takeuchi

 

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 1.78:1 1920x1080p (AVC MPEG-4)

Audio: Italiano, Giapponese DTS-HD Master Audio 5.1
Distributore: Lucky Red/Anime Factory/Koch Media

 

 

 

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...