SCHINDLER'S LIST di Steven Spielberg in Blu-Ray

 

 

 

“Schindler’s List” è oggi unanimemente ritenuto uno dei film più autorevoli realizzati dal ‘Re Mida’ della Settima Arte, Steven Spielberg, la sua consacrazione, ed uno dei capolavori assoluti della storia del Cinema, indiscusso patrimonio dell’umanità. Il debutto della pellicola in Alta Definizione era attesa da tempo e le aspettative degli appassionati non sono andate deluse.

 

 

La materia dell'Olocausto è sempre viva nella sensibilità dei cineasti che desiderano far restare viva la fiamma della memoria di uno sterminio senza eguali, così, a distanza di sessant’anni, è forte il sentimento di partecipazione e di condivisione di un dolore che assume dimensioni di universalità, indipendentemente dal fatto d’essere stati o meno coinvolti in maniera, diretta o indiretta. Ecco, “Schindler's List” di Steven Spielberg è diventato negli anni una delle ‘voci’ più forti, coinvolgenti ed emozionanti sulla terribile tragedia di allora, una ferita che deve rimanere aperta per non dimenticare l’atrocità nazista. Nel 2004 la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti ha scelto “Schindler’s List” per preservarlo nel National Film Registry. Ispirato al romanzo “La lista di Schindler”, di Thomas Keneally, il film racconta la storia di Oskar Schindler, l'industriale tedesco realmente esistito, che a Cracovia salvò più di mille ebrei dal campo di concentramento, pur restando in affari con i tedeschi. Dopo l’invasione della Polonia, nel 1939, i nazisti schedarono gli ebrei polacchi di Cracovia e li relegarono in un’area della città; Schindler riuscì a sottrarre molti di essi dalla camera a gas convincendo le autorità tedesche d’aver bisogno della forza-lavoro a buon mercato degli ebrei per produrre, nella sua fabbrica (la Deutsche Emailware Fabrik), pentole e tegami da fornire all'esercito. Ebbene l’ebreo americano Spielberg ci ha donato un’opera magnifica, emozionante e dal respiro universale, senza mai scivolare sulla buccia di banana della retorica a buon mercato, pagando di fatto il debito ‘morale’ con il suo popolo; ci ha dimostrato che oltre ad essere un magistrale inventore di favole cinematografiche (“E.T.”, “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, “Hook - Capitan Uncino”, “Jurassic Park”, la saga di Indiana Jones) dotato di una capacità magica di raccontare i propri sogni, egli è un autore ‘assoluto’, tra i più importanti di sempre, abile nel far materializzare i fantasmi più cupi ed inquietanti del vissuto del secolo da poco trascorso. Un’opera che è lezione di vita e che ogni genitore dovrebbe mostrare senza esitazione ai propri figli nel segno di quello straordinario assunto secondo cui il Cinema accresce e fa maturare la sensibilità dello spettatore.  “Schindler's List” è stato costruito con grande virtuosismo da Spielberg, in forza di un linguaggio e di una rappresentazione espressiva che sono andati diretti al cuore di chi ha visto il film e si è emozionato profondamente, tanto da meritare per intero i sette Oscar (Miglior Film, Regia, Fotografia di Janusz Kaminski, Colonna Sonora di John Williams, Montaggio, Scenografia e Sceneggiatura) che gli sono stati attribuiti su 12 ‘Nomination’. Se un passaggio discutibile può essere individuato nel film è quello della partenza di Schindler nel finale, l’unica concessione offerta alla retorica sentimentale e drammaturgica di Hollywood. L’impatto visivo è notevole, e poi possiamo ammirare la perizia registica di Spielberg, l’efficacia della ricostruzione storica, la scelta delle scenografie, i movimenti di macchina, il taglio sapiente di tante e tante inquadrature, i primi piani straordinari, delle vittime e dei carnefici, l’intimismo di alcune scene ‘clou’. A dare ulteriore forza figurativa e narrativa all’opera concorre il fatto d’essere stato girato interamente in un impeccabile Bianco & Nero. Ci sono solamente quattro scene a colori, dal significato particolare; all’inizio del film si vedono due candele spegnersi simbolicamente, ed altre due fiammelle prendere vita al termine della narrazione, in chiusura c’è una sequenza interamente a colori, ambientata ai giorni nostri, in cui un gruppo di persone rende omaggio alla tomba del vero Oskar Schindler nel cimitero di Gerusalemme. Ma ancora più significative solo le due scene che, durante il rastrellamento del 13 marzo 1943, vedono una bimba aggirarsi per il ghetto di Cracovia con indosso un cappottino rosso che risalta tra il grigiore voluto del bianco e nero, e poi più tardi la riconosciamo (sempre per il suo abito) senza vita su un carretto che porta via i cadaveri delle vittime della repressione nazista. Un’invenzione poetica ma anche un momento del film dal grande coinvolgimento emotivo: nell’individuare il destino di una sola persona (la bambina) attraverso questa efficacissima scelta cromatica, si universalizza la tragedia di un popolo intero. Con una parte degli introiti derivatigli dagli incassi del film Spielberg finanziava all’epoca l’organizzazione no-profit (la ‘Survivors of the Shoah Visual History Foundation’) per la collezione (in audio & video) delle testimonianze di oltre 50mila sopravvissuti dello sterminio. Alcune di queste interviste sono incluse nei contenuti extra. Liam Neeson rende con efficacia dolorosa la presa di coscienza da parte del personaggio principale del dramma immane che è sotto i suoi occhi, il suo impegno accorato, ma anche qualche sua contraddizione (l’essere membro del partito nazista, l’opportunismo e l’ambizione che l’accompagnano), Ralph Fiennes invece veste i panni del terribile comandante del lager Plaszow, Amon Göth, e Ben Kingsley è il contabile ebreo che suggerisce a Schindler alcune soluzioni da adottare.
La pellicola in High-Definition si rende disponibile sul mercato dell’Home Entertainment, in occasione del 20° anniversario dell’uscita del film (ed è anche il 60° anniversario dei fatti raccontati), in una pregevole edizione (per tutte le sue componenti video, audio ed extra) personalmente supervisionata in fase di restauro dallo stesso suo autore. “Schindler’s List” gode di un nuovo splendore, il quadro video, aiutato pure dalle affascinanti riprese originarie in B&N, appare strabiliante e di sicuro fedele alle scelte effettuate in fase di realizzazione da Spielberg e dal direttore della fotografia Janusz Kaminski, che talvolta hanno voluto privilegiare i toni più morbidi. Questo non tragga in inganno eventuali integralisti della purezza delle immagini, che potrebbero ravvisarvi una qualche fastidiosa problematica di cattiva compressione, perché le scelte stilistiche di chi dirige non possono in alcun modo essere messe in discussione. Perfetti appaiono la calibratura del  contrasto, la definizione e la profondità del dettaglio (sia per quanto concerne abiti e incarnati dei personaggi, sia per il background delle scene ‘en plein air’; un po’ meno bene negli interni), la misura della scala dei grigi, la pulizia dei contorni. Sotto il profilo audio eccelle l’elaborazione del sonoro originale in DTS HD, che risulta robusto, dinamico, ricco di dettagli sui diffusori satellitari. La traccia italiana – la stessa del DVD pubblicato anni fa – è un gradino al di sotto rispetto a quella inglese ma senza sfigurare in quanto ad effetti d’ambienza e con una efficace resa sul centrale dei dialoghi e della colonna sonora premio Oscar di John Williams. Gli extra sono raccolti in un secondo disco che è contenuto nella confezione in DVD, lo stesso dell’ultima edizione posta in commercio anni fa. Si tratta di contributi d’interesse storico – presentati in Standard Definition (con sottotitoli in italiano) - tra cui quello cui si faceva cenno precedentemente, relativo alla creazione e all’attività della Shoah Foundation, poi c’è un lungo documentario (oltre 60’) con le testimonianze dei sopravvissuti all’eccidio di Cracovia corredato da filmati storici. Volendo – ragionevolmente – ci si potrebbe lamentare del fatto che sono completamente assenti contributi dedicati alla realizzazione cinematografica del film; un difetto non da poco per un’edizione che vorrebbe celebrare degnamente il ventennale dell’uscita del film. Ricordiamo che è anche possibile trovare in commercio una ‘Definitive Edition’, identica a questo sotto il profilo tecnico, che contiene però anche un booklet di 16 pagine, un libro fotografico, 3 cartoline e il poster del film.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures)

 

NOTE TECNICHE
Il Film

SCHINDLER’S LIST – 20th Anniversary Edition

(Schindler’s List)

Usa 1993 194’
Regia: Steven Spielberg
Cast: Liam Neeson, Ben Kingsley, Ralph Fiennes, Caroline Goodall, Jonathan Sagalle, Embeth Davidtz, Andrzej Seweryn, Beatrice Macola, Jonathan Sagall, Malgoscha Gebel, Shmuel Levy, Mark Ivanir, Friedrich Von Thun, Krzysztof Luft, Harry Nehring, Norbert Weisser, Gotz Otto.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect Ratio: 1.85:1 1920x1080p/AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS-HD 5.1
             Italiano, Tedesco, Spagnolo, Turco DTS 5.1
 Distributore: Universal Pictures
Prezzo: Euro 16,90 [Blu-Ray + DVD + copia digitale]