Home Video

VITA DI PI 3D di Ang Lee in Blu-Ray

 

 

Ang Lee, regista di Taiwan, con il piglio d’artista cosmopolita, fin dal 1995 si è stabilito ed ha iniziato a lavorare con buona continuità ad Hollywood, raccogliendo con i suoi film una serie considerevole di premi (tre Oscar, due Orsi d’Oro a Berlino, due Leoni d’Oro a Venezia oltre a quattro Golden Globe), e di riconoscimenti da parte della stampa e del pubblico in sala.

 

 

Sempre intrigato (nella maggior parte dei suoi film) dal rapporto tra tradizione e modernità, adattandosi ogni volta a generi e registri nuovi, Ang Lee si è districato tra opere variegate che hanno toccato il genere più introspettivo (“Tempesta di ghiaccio”) come quello letterario di matrice ‘british’ (“Ragione e sentimento”), quello di ‘cappa e spada’ alla cinese (il ‘wuxia’ de “La Tigre e il Dragone”), il cinema pseudo-western ("Cavalcando col diavolo") ambientato ai tempi della Guerra di Secessione americana, come quello che scandaglia con grande sensibilità tematiche gay (“I segreti di Brokeback Mountain”) o quelle dei meandri dell’erotismo (“Lussuria - Seduzione e tradimento”), ed annovera nella sua filmografia anche un film dedicato ai supereroi, “Hulk” del 2003. E, non pago d’essersi cimentato con così tanti generi Ang Lee ci ha oramai abituati ad ogni sua nuova uscita ad un cinema che ha fatto della finezza di stile e dell'eleganza gli aspetti primari. Sempre abilissimo comunque nel muoversi tra il ‘mainstream’ hollywoodiano e la realtà produttiva taiwanese. Con la sua opera più recente, “Vita di Pi”, il regista taiwanese si è aggiudicato il terzo Oscar in carriera; in questo caso per la Miglior Regia. Gli altri erano stati “I segreti di Brokeback Mountain” per la Miglior Regia e “La Tigre e il Dragone” per il Miglior Film Straniero. “Vita di Pi” ha ottenuto undici nomination agli Oscar, vincendone quattro (oltre quello per la Miglior Regia, gli altri sono stati ottenuti per Fotografia, gli Effetti Speciali e la Colonna Sonora originale). Il film è tratto da un bestseller letterario dello scrittore ispano-canadese Yann Martel, favola e romanzo di formazione che a prima vista sarebbe apparsa difficilissima per tutti farne una trasposizione cinematografica. Fino a quando è stato lo stesso Ang Lee avventurarsi nell’arduo tentativo di dare forma cinematografica al romanzo. Eclettico nella forma, esotico nelle ambientazioni, e di conseguenza coloratissimo e vivace, il film è stato girato con grande garbo e padronanza. Il protagonista, che si chiama Pi (diminutivo di Piscine, letto alla francese), unico superstite al naufragio di una nave, si ritrova sperduto nell'oceano su una scialuppa di fortuna e in compagnia di una tigre del Bengala (dal nome impegnativo di Richard Parker) per ben 227 giorni, e l’epilogo è un apologo contemporaneo che consente allo spettatore di misurarsi con riflessioni sulla meditazione, sull’esistenza di Dio e sulla essenza stessa, spirituale, della Natura e delle forze che la governano. L’incredibile racconto d’avventura, che si dispiega agli occhi ‘meravigliati’ dello spettatore, ha una prima parte che viene raccontata in prima persona da Pi in flash-back ad uno scrittore che lo intervista in età adulta, ed è così che facciamo la conoscenza del giovane protagonista che vive nella parte sud-est dell'India; il padre è proprietario di un circo e per esigenze economiche decide di trasferirsi in Canada. Durante il viaggio, a causa di una terrificante tempesta, la nave affonda, e Pi rimane in compagnia dell’animale più temuto dello zoo del padre. Una legge di natura più convenzionale (‘mors tua vita mea’) prevederebbe che uno dei due elimini l’altro; non andrà cosi, anzi il film ha un finale spiazzante e aperto a diverse interpretazioni, che opportunamente mi astengo dal rivelare. Il 3D applicato per la prima volta in carriera da Lee è notevole ed esalta in misura strabiliante gli effetti che derivano dall’applicazione di avanzate tecniche CGI e di quella della ‘motion capture’. Fatto è che la sensazione che ne deriva per lo spettatore più attento e navigato con la stereoscopia è di un indiscusso passo in avanti che consolida (e conforta) la convinzione di molti che il 3D possa davvero essere utilizzato a fini artistici, e non solo funzionale a portare tanti più spettatori a ‘meravigliarsi’ nelle sale. Ci sono sequenze spettacolari (il catastrofico inabissamento della nave ad esempio che ci riporta a “Titanic”, i riflessi tra mare e cielo, la scena dei pesci volanti o la tempesta in mare), ambientazioni suggestive e davvero incisive (si pensi alla scena dell’isola o alla descrizione della realtà indiana) che non lasciano di certo indifferenti, ed ovviamente anche la tigre è stata realizzata in un CGI (dal mix efficace di quattro felini ammaestrati) a dir poco strepitoso: tigri vere che ‘corrispondono’ a quella digitale. Una nota di merito particolare va al giovane attore indiano che veste i panni del protagonista, l’esordiente Suraj Sharma, che sostiene con assoluta bravura il peso d’essere (quasi) da solo al centro della scena. E notevole è il contributo dato dal direttore della fotografia, il cileno Claudio Miranda, oltre che dai responsabili degli effetti speciali.
L’edizione in High-Def è superlativa per un film altamente spettacolare; “Vita di Pi” è proposto da 20th Century Fox HE sul mercato dell’home video in varie edizioni, compresa ovviamente quella 3D. Possiamo farci garanti che la visione domestica, supportata da adeguato sistema di riproduzione audio & video, è all’altezza dello spettacolo che in molti hanno vissuto in sala. Il video si presenta nitido e pulito, senza alcun artefatto che intervenga ad infastidirne la visione. Un’aura di misticismo favolistico, che si traduce in una certa morbidezza di molte scene, fa si che il dettaglio non sia oltremodo evidente, anche nell’ottica di mescolare con efficacia le scene ‘live action’ con gli effetti realizzati in computer graphic. Da sottolineare – a scanso di cattive valutazioni da parte degli integralisti dell’home video - che durante la visione si registrano diversi passaggi dell’aspect-ratio in alcune scene dall'1.85:1 al 2.35:1 e al 4/3, funzionali a precise volontà del regista. La palette cromatica è luminosa ed abbagliante. Confortevole oltre misura anche il reparto audio, nonostante la traccia italiana in DTS sia un gradino al di sotto di quella originale che può avvalersi di un sontuoso DTS HD Master Audio 7.1; che è garante di una assoluta (e referenziale) precisione del dettaglio sonoro e sfoggia potenza e dinamicità in un sound design di grande resa. Per i meno integralisti – come detto tante volte – diciamo che il DTS-HD 5.1 della traccia italiana fa comunque la sua bella figura, ha un eccellente impatto ed è pur sempre coinvolgente. Ottima la riproduzione dei ‘rumori’ del mare e del vento, degli uccelli e dello sfrecciare dei pesci volanti e quant’altro appartenga a fattori d’ambienza. Il tutto sapientemente bilanciato sull’intero arco dei canali satelliti. Convincente pure il reparto dei contenuti extra che sono distribuiti sui due supporti a duplice strato (3D & 2D). Nel primo troviamo alcuni inserti tridimensionali (30’ circa) comprendenti "Progressione effetti visivi" e 5 scene eliminate, mentre nel secondo disco si parte da un lungo ed esaustivo ‘Making Of’ (63 minuti), “Epica avventura di un regista”, suddiviso in quattro parti che approfondisce gli aspetti relativi alla lavorazione del film in tutte le sue componenti. Ci sono poi una featurette di una ventina di minuti incentrata sugli effetti digitali visivi ("Straordinaria Visione") ed una (quasi 9') dedicata interamente alla tigre del Bengala digitale co-protagonista del film (“Tiger, tiger burning bright”). Quindi una galleria di bozzetti e storyboard.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della 20th Century Fox)

 

NOTE TECNICHE
Il Film

VITA DI PI 3D
(Life Of Pi 3D)
Cina/Usa 2012 127’
Regia: Ang Lee
Cast: Suraj Sharma, Irrfan Khan, Tabu, Rafe Spall, Gérard Depardieu, Adil Hussain, Ayush Tandon.

 

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect Ratio: 1.85:1 1920x1080p/AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS-HD Master Audio 7.1
             Italiano, Francese, Olandese, giapponese, Cinese, Fiammingo, Danese, Finlandese, Svedese, Norvegese DTS-HD 5.1
 Distributore: 20th Century Fox Home Entertainment
Prezzo: Euro 29,90 [Blu-Ray 3D + Blu-Ray 2D]

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...