Home Video

ORE 15:17 ATTACCO AL TRENO di Clint Eastwood in Blu-Ray

 

 

 

 

 

 

 
Ore 15:17 - Attacco al treno”, dopo “American Sniper” del 2014 e “Sully” (2016), completa idealmente una trilogia che Clint Eastwood ha voluto dedicare ad eroi americani contemporanei, uomini qualunque che hanno mantenuto alto il loro senso del dovere e quindi il rispetto e la devozione per la loro nazione.

 

A fronte delle ricostruzioni dei due film precedenti nei quali Clint si era servito del volti conosciuti di Bradley Cooper e Tom Hanks per raccontare le gesta del soldato Chris Kyle e del pilota Chesley Sullenberger, la scelta – per molti versi spiazzante – operata da Eastwood per questo film è costituita dalla presenza nelle vesti dei protagonisti esattamente dagli ‘eroi’ che si sono distinti nei fatti di cui si occupa la narrazione filmica. Clint Eastwood ===Consulta la Filmografia===, ancora estremamente lucido e voglioso di fare cinema, racconta la storia vera di tre giovani americani in vacanza in giro per l’Europa che hanno sventato il 21 agosto del 2015 un attacco terroristico sul treno Thalys 9364, partito da Amsterdam alla volta di Parigi. I tre protagonisti del film sono proprio i protagonisti reali della vicenda, Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone - due bianchi e un nero dalle facce pulite - che, per il loro gesto eroico, hanno ricevuto la Legion d’Onore dal presidente francese Hollande e sono balzati agli onori della cronaca. Tratto da "The 15:17 to Paris: The True Story of a Terrorist, a Train, and Three American Heroes" di Anthony Sadler, Alek Skarlatos, Spencer Stone e Jeffrey E. Stern, di sicuro non proprio un film d’azione, viste le premesse, ma un lavoro che concentra nella parte finale un epilogo realismo e di temporanea tensione action ben lontana dalla spettacolarità hollywoodiana, e nel rispetto di uno stile ben identificativo del regista ottantottenne. Il racconto – su una sceneggiatura dell’esordiente Dorothy Blyskal adattata dal libro scritto dagli eroici protagonisti della vicenda - di quello che è accaduto su quel treno, il fulcro di tutto il film, viene consumato in pochissimi minuti senza venire dilatato per ragioni cinematografiche, né tantomeno essere reso epico. I tre marine, come il membro delle Navy SEAL Chris Kyle impegnato in missioni in Iraq di “American Sniper” e il Capitano Sullenberg di “Sully”, si sono quindi distinti per aver lottato per il bene nella logica che idealmente li accomuna in questa trilogia di film eastwoodiani. Su quel treno Amsterdam-Parigi il terrorista belga di origine marocchina era armato di un Kalashnikov e di una pistola (e circa 300 proiettili), e non poteva immaginare di incontrare tre giovani uomini pronti a fare la cosa giusta al momento giusto. “Sully” – lo ricordiamo – racconta la vicenda del Capitano Chesley 'Sully' Sullenberger che il 15 gennaio 2009, a causa di uno stormo di uccelli che causò la rottura di due motori dell’aereo di linea di cui era il pilota, fu costretto ad effettuare un rischioso ammaraggio sul fiume Hudson, nel caratteristico landscape di New York, con il quale salvò la vita a 150 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio. Nei primi settanta minuti di “Ore 15:17 - Attacco al treno” il regista, premio Oscar (sia come Miglior Film che Migliore Regia) per “Gli Spietati” e “Million Dollar Baby”, si occupa di quello che è avvenuto in precedenza a tre giovani amici fin dall’adolescenza, e cresciuti in un contesto ordinario e piccolo borghese, frequentando le stesse scuole cattoliche seguiti da madri molto presenti, e condividendo la passione e il mito per la divisa militare; con un pronunciato senso del dovere e dell'altruismo. La determinazione, la voglia di raggiungere l’obbiettivo nel diventare soldato è stata assai vivida soprattutto in Spencer Stone, così che lo sguardo di Clint Eastwood si sofferma con maggiore attenzione ed affetto su di lui, il ragazzo con la storia personale più sofferta e significativa, che assurge ad emblema del patriottismo spesso vituperato d’una America anche conservatrice, ma non razzista, né necessariamente bigotta, e comunque serbatoio immenso di alcuni sani principi. Troppi stereotipi – purtroppo – si accumulano nel raccontare il viaggio dei tre amici in Europa tra Italia (descritta – ahinoi! - come nessun italiano intelligente vorrebbe mai veder disegnata), Germania e Olanda, e questo fa perdere un po’ di credibilità al film. L’America di Trump è quella grossolana di oggi, che ribadisce ad ogni occasione di essere una potenza (e lo è di sicuro!) e nel film è una guida berlinese che deve ricordare ai protagonisti che Hitler si tolse la vita mentre erano i russi a entrare in città, e non i militari americani. Il vecchio adagio, divulgato da tanti e tanti film (western e non) dell’America che fa la guerra per salvaguardare i buoni dai nemici e dagli invasori, continua ad essere esplicitato. Una retorica, questa, a tratti insopportabile, che di fondo appesantisce l’impatto che il film può avere nella considerazione dei cinefili. Ed anche il racconto in flashback di Clint mostra più di una incertezza nonostante egli ci abbia spesso abituati ad uno stile scarno ed efficace, ma sempre raffinato. Decisamente ‘orribili’ le scene dentro la gelateria veneziana e quella nella discoteca di Amsterdam.
Sotto il profilo tecnico “Ore 15:17 attacco al treno” è proposto da Warner Bros. Home Entertainment Italia in un Blu-Ray di fattura impeccabile sebbene non utilizzi ai livelli più alti tutto il corollario di effettistica (sonora e visiva) di cui è capace il cinema contemporaneo. Il Video è 1080p High Definition 16×9 con aspect ratio 2.40:1, le tracce sonore sono disponibili in Italiano e Inglese in DTS-HD Master Audio 5.1, e la sola lingua Inglese in Dolby Atmos (sottotitoli: Italiano, Inglese). I Contenuti Extra prevedono gli interessanti speciali di approfondimento “The 15:17 to Paris making every second count” e “The 15:17 to Paris portrait of courage”.

(Luigi Lozzi)                                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini

(immagini per cortese concessione di Warner Bros. Home Entertainment Italia)

 

 

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film 

ORE 15:17 ATTACCO AL TRENO
(The 15:17 to Paris)
Usa, 2018, 93’
Regia: Clint Eastwood
Cast: Anthony Sadler, Alek Skarlatos, Spencer Stone, Jenna Fischer, Judy Greer, Ray Corasani, Paul- Mikél Williams, Bryce Gheisar, William Jennings, Thomas Lennon, Jaleel White, Tony Hale, Cecil M. Henry, Sinqua Walls, Matthew Barnes, P.J. Byrne.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 2.40:1 1920x1080p/ MVC MPEG-4

Audio: Italiano, Inglese DTS-HD Master Audio 5.1/Inglese Dolby Atmos TrueHD 5.1
Distributore: Warner Bros. Home Entertainment Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Frankie Valli & The Four Seasons - Can't Take My Eyes off You [1967] Un grande hit di Frankie Valli inciso nel 1967 e che abbiamo apprezzato nella scena della partita a...
IMAGE Mary Hopkins - Those Were The Days [1968] I Beatles inauguravano nel 1968 la loro etichetta, la Apple, lanciando due interpreti; uno era...
IMAGE Wilson Pickett - In The Midnight Hour [1965] Uno standard del soul lanciato nel '65 da Wilson Pickett ed estratto dall'album omonimo del...
IMAGE Doors - Touch Me [1969] Pezzo dei Doors estratto dall'album "Soft Parade" e scritto dal chitarrista Robby Krieger ebbe...
IMAGE 5th Dimension - Aquarius/Let The Sunshine In [1969] Nel 1969 il musical "Hair" dominava la scena di Broadway e influiva enormemente sulla...
IMAGE Banco del Mutuo Soccorso - Baciami Alfredo [1981] Nel 1981 il Banco del Mutuo Soccorso provava a dare una svolta più leggera e pop alla propria...
IMAGE James Brown - Sex Machine [1970] "Get Up (I Feel Like Being a) Sex Machine" è uno dei pezzi più famosi del repertorio di James...

Siti consigliati