Home Video

LA COSA di Matthijs van Heijningen Jr. in Blu-Ray

 

 

 

“La Cosa” realizzato nell’anno 2011 (sbarcato solo nell’estate 2012 sui nostri schermi) e diretto da Matthijs van Heijningen Jr. è il prequel del ‘cult-movie’ di John Carpenter del 1982 in cui viene descritta la distruzione della base norvegese nell’Antartide prima che la storia si riallacci ai fatti raccontati in apertura del film di Carpenter.

 

È passato piuttosto inosservato, molta critica paludata e convenzionale l’ha respinto tout-court senza prove d’appello; forse il commento (di molti) più appropriato è che non c'era nessun bisogno di fare un remake de “La Cosa” dell’82 che a sua volta era un libero remake del seminale film di sci-fi “La ‘cosa’ da un altro mondo” del 1951 di Howard Hawks (che però non firmò in calce il lavoro). Penso che fintanto che c’è non è il caso di storcere il muso; abbiamo visto ben altro in tanti anni di frequentazione delle ‘cose’ (scusate l’involontario gioco di parole) di Cinema. E poi restando sul livello del puro intrattenimento - senza lanciarsi in letture cervellotiche del film che si propongano di partire dal serpeggiante maccartismo della ‘Caccia alle Streghe’ dei Cinquanta, passare per la nuova estetica Fanta-Horror avviata più o meno in contemporanea con “La Cosa” dell’82 (in effetti ad aprire le danze era stato “Alien” tre anni prima) ed arrivare a interpretare in modo cupo gli anni di crisi economica in cui ci dibattiamo al tempo dell’arrivo sugli schermi del recente prequel, studio sui corpi e le mutazioni dell’identità che avrebbe fatto la felicità di David Cronenberg – il film per gli appassionati del genere è godibilissimo. Non è importante la stucchevole diatriba sulla necessità o meno di farlo questo film, contano di più il gusto e la passione per il genere Fanta-Horror che siamo in molti a nutrire, a prescindere. E non è un problema nostro, di appassionati del genere, se l’operazione, vista come cartina tornasole di una tendenza in atto, mette a nudo l’incapacità di Hollywood di generare nuove idee; quella del remake, del reboot, del prequel e/o del sequel è oramai prassi standardizzata nell’industria del cinema: può piacere o meno, ma ha i suoi seguaci. D’altra parte la magnifica stagione dell’Horror contemporaneo avviata alla metà degli anni Settanta da autori quali Wes Craven, Tobe Hooper, George Romero, lo stesso Carpenter, ha beneficiato in quest’ultimo decennio di innumerevoli remake e sequel ad uso e consumo delle nuove generazioni di appassionati che testimoniano splendidamente del peso specifico delle loro opere. In una base tra i ghiacci dell' Antartide la paleontologa Kate Lloyd si unisce ad un gruppo di scienziati norvegesi che ha trovato tra i ghiacci, in una base sotterranea, il corpo congelato di un alieno in apparente stato di sonno. Una volta trasportata alla base la terrificante creatura si risveglia iniziando a sterminare sistematicamente l’intero gruppo di studiosi prendendo possesso dei loro corpi senza far trasparire all’esterno il proprio status di ‘falso umano’... La tensione ad onor del vero è ben costruita e chi non conoscesse quell'opera di Carpenter (qui omaggiato esplicitamente sui titoli di coda) e amasse il genere potrebbe trovare in questo prequel degli elementi interessanti. Per chi ha amato il film di Carpenter c’è anzitutto la consapevolezza che nulla può scalfire la loro fede nel cult d’origine, che rimane inarrivabile, ma di sicuro troverà perlomeno efficaci le trasformazioni degli umani in mostri in virtù delle tecnologie (in CGI) più sofisticate di quelle di 30 anni fa.
Immagini ben contrastate e ben dettagliate nonostante le riprese siano state effettuate quasi tutte in notturna o in interni poco illuminati, i colori sono comunque saturi in maniera efficace. Il comparto audio compie il proprio dovere con grande efficacia coinvolgendo l’intero arco dei diffusori, il subwoofer senza alcuna distorsione e mostrando ottima resa per gli effetti speciali e quelli d’ambienza. Interessanti i contenuti speciali che prevedono Scene Eliminate e/o Prolungate; la featurette “The Thing Evolve”; Fuoco e Ghiaccio; Commento al Film del Regista Matthijs Van Heijningen e del Produttore Eric Newman; Le mie Scene Preferite (da selezionare tramite la funzione U-Control).

 

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures)

 

NOTE TECNICHE
Il Film

LA COSA

(The Thing)

Usa/Canada, 2011, 102’
Regia: Matthijs van Heijningen Jr.
Cast: Mary Elizabeth Winstead, Joel Edgerton, Jonathan Walker, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Eric Christian Olsen, Ulrich Thomsen, Kim Bubbs, Stig Henrik Hoff, Trond Espen Seim, Jørgen Langhelle, Kristofer Hivju, Jan Gunnar Røise, Jo Adrian Haavind, Henrik Hoff, Dan Cristofori, Joe Vercillo.

 

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect Ratio: 2.40:1 1920x1080p/ AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS HD Master Audio 5.1
             Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo, Portoghese DTS HD 5.1
Distributore: Universal Pictures
Prezzo: Euro 16,90 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Pino Daniele - Napule è [1977] Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio del 2015 se ne andava Pino Daniele (era nato a Napoli il 19...
IMAGE Richie Valens - La Bamba [1958] In origine "La Bamba" nasceva come brano folkloristico di musica messicana, poi è stata portata ad...
IMAGE Archies - Sugar Sugar [1969] Assai singolare la genesi di "Sugar, Sugar": il brano, un classico della bubblegum music scritto da...
IMAGE Adamo - Affida una lacrima al vento [1968] Salvatore Adamo, figlio di emigranti italiani, nato in Italia ma cresciuto in Belgio, dopo aver...
IMAGE Aphrodite's Child - It's Five O'Clock [1970] Dopo il clamoroso successo ottenuto con "Rain and Tears" nel '68, e bissato da "End Of the World",...
IMAGE Anita Ward - Ring My Bell [1979] Successo dell'era della Disco Music "Ring My Bell" veniva interpretato nel 1979 da Anita Ward al...
IMAGE David Bowie - Space Oddity [1969] "Space Oddity" è una delle più celebri canzoni di David Bowie e venne pubblicata come singolo...