Home Video

I SOGNI SEGRETI DI WALTER MITTY di Ben Stiller in Blu-Ray

 

 

I sogni segreti di Walter Mitty” è il film che in un qualche maniera sancisce che Ben Stiller non è un comico sui generis di quelli che - assieme ai tanti che gli fanno compagnia sulla scena con alterne fortune - cavalca l’onda lunga della Commedia ’a stelle e strisce’ di ultima generazione ma che è attore e regista di una certa finezza e del quale, tra qualche tempo, bisognerà iniziare ad approfondire la conoscenza per via di uno spessore artistico-qualitativo che va via crescendo.

 

È un Cinema ancora zeppo di imperfezioni e facilmente criticabile, quello di Stiller ma (quasi) mai banale e comunque comincia a mostrare segni distintivi che si vanno a sommare (tanto da fare sostanza) a quelli offerti a più riprese in passato e che gli permettono di collocarsi nel solco della grande tradizione comica yiddish; se proprio si vuole trascurare la sua filmografia come attore (che pure è cospicua) basterebbe anche solo ricordare che nel 1996, al suo secondo film come regista, Ben Stiller ===Consulta la Filmografia===, dirigeva Jim Carey nel magnifico e (spesso) sottovalutato “Il rompiscatole”. Lo troviamo in questo suo 5° film come regista (torna in cabina di regia a cinque anni di distanza da “Tropic Thunder”) nei panni di un giovane sognatore timido, gentile e fantasioso che lavora come archivista al reparto fotografie della prestigiosa rivista Life (qualche tempo prima che questa smetta la pubblicazione cartacea per trasferire tutto l’enorme tesoro fotografico del giornale in digitale) e che, nel tentativo di conquistare l’attenzione della collega Kristen Wiig, immagina di diventare protagonista di imprese straordinarie; in fondo sognare è l’unico mezzo a sua disposizione per esplorare il mondo. E quando un certo negativo (del prestigioso fotoreporter O'Connell, interpretato da Sean Penn), con la copertina dell’ultimo numero del magazine, scompare eccolo dare inizio ad un viaggio incredibile ed avventuroso sulle tracce del fotografo che lo porta ai quattro angoli del mondo in luoghi per tantissimi irraggiungibili… Mitty è un piccolo uomo con un cuore grande, una fantasia immensa ed una passione smisurata, un personaggio surreale che si muove tra realtà e immaginazione, laddove i sogni rappresentano – evidenti – una fuga dal tran-tran quotidiano ma anche lo strumento per sconfiggere il fardello delle proprie insicurezze. Dopo un inizio comico-demenziale nelle corde dello Stiller più riconoscibile si fa largo un film delizioso e poetico che fa bene allo spirito, pronto ad incantare coloro che sono ancora capaci di sognare ad occhi aperti. In controluce, come cartina tornasole, vi si può leggere il bisogno (o il desiderio) di riappropriarsi di una dimensione più autentica della propria vita: meno realtà virtuale – vale la pena ‘disconnettersi’ ogni tanto, è il messaggio che ci viene servito - e più esperienze autentiche sul campo. È illuminante e pregna di contenuto l’affermazione fatta dal fotoreporter Penn appostato per ore ed ore tra le montagne dell’Afghanistan per fotografare un leopardo bianco e che quando lo ha in punta di obbiettivo rinuncia a fotografarlo: “Non sempre accade che voglio cristallizzare un’emozione attraverso la macchina fotografica, qualche volta non scatto e rimango lì a guardare”. Il referente principe è il film del ’47 di Norman Z. McLeod conosciuto in Italia come “Sogni proibiti” (ma il titolo originale è identico a quello odierno), con il grande e talentuoso Danny Kaye (che vestiva i panni di un correttore di bozze in una casa editrice specializzata in romanzi d’avventura) al fianco di Virginia Mayo, che a sua volta si era ispirato ad un racconto breve di James Turber pubblicato nel 1939 sul New Yorker. E al film di McLeod si era pure liberamente ispirato Neri Parenti nell’82 per “Sogni mostruosamente proibiti” con Paolo Villaggio. Stiller ha adattato il tutto ai giorni nostri con un umorismo venato di intimismo e di malinconia. La comicità stralunata di Stiller ricorda alcuni grandi del passato come Buster Keaton o Jacques Tati ma ha un solido riferimento anche nel Forrest Gump di Tom Hanks. In aggiunta bella la fotografia, aderente la musica, originali i titoli di testa e magnifico il cameo di Sean Penn. Si è accennato alla musica; ebbene la colonna sonora del film riveste un ruolo importante nell’economia narrativa del film di Ben Stiller sia per quanto riguarda le musiche originali composte da Theodore Shapiro che per i brani inseriti (tra questi “Of Monsters and Men” dei Dirty Pawns, “Step Out” di Jose Gonzales, "Escape (The Pina Colada Song)" di Jack Johnson, "Don't You Want Me" di Bahamas feat. the Weather Station, "The Wolves & the Ravensed" dei Rogue Valley). Una menzione particolare ed un momento tra i più toccanti del film viene riservato alla mitica “Space Oddity” di David Bowie. Il riversamento in Alta Definizione rispecchia i canoni qualitativi delle migliori produzioni 20th Century Fox; viene esaltata soprattutto la magnifica e luminosa fotografia opera di Stuart Dryburgh, che è uno dei punti di forza del film, con una resa cromatica naturale – ora più calda, ora fredda - fedele alle diverse ambientazioni che ci vengono offerte. Nessun tipo di artefatto digitale inquina la godibilità della visione casalinga, mentre le immagini sono nitide e perfettamente dettagliate. Il comparto audio poggia nell’originale inglese su un dirompente DTS-Master Audio 7.1 che non può essere eguagliato dalla traccia in italiano in DTS 5.1; comunque quest’ultima rimane più che apprezzabile per qualsiasi fruitore non propriamente integralista del sonoro grazie ad una soddisfacente spazialità distribuita sull’intero arco dei diffusori. Gli extra prevedono un ricco ‘Making Of‘ (40’) suddiviso in nove capitoli relativi alle varie fasi produttive e a diversi momenti curiosi delle riprese, una serie corposa di scene inedite (15’ in lingua originale), tra tagliate, estese e alternative, una galleria fotografica, un video-clip musicale (“Stay Alive” di José González), il trailer.

 

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures)

 

NOTE TECNICHE
Il Film

I SOGNI SEGRETI DI WALTER MITTY

(The Secret Life of Walter Mitty)
Usa, 2013, 116’
Regia: Ben Stiller
Cast: Ben Stiller, Kristen Wiig, Shirley MacLaine, Adam Scott, Kathryn Hahn, Sean Penn, Patton Oswalt, Terence Bernie Hines.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Video: 2.40:1 1920x1080p/AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS HD Master Audio 7.1
             Italiano DTS 5.1
Distributore: 20th Century Fox Home Entertainment

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Siti consigliati

Articoli correlati