Home Video

ISTINTO BRASS di Massimiliano Zanin in Blu-Ray

 

 

 

 

 

 

 

Istinto Brass”, il film documentario sulla vita e sulle provocazioni del regista Tinto Brass presentato alla 70a edizione della Mostra del Cinema di Venezia, nel 2013, arriva finalmente in Blu-Ray in una eccellente edizione a doppio disco curata da Koch Media.
 
 
 
 

Leggi tutto...

L’AMICO AMERICANO di Wim Wenders in Blu-Ray

 

 

 

 

 

 

Di tutti i registi europei Wim Wenders è di certo quello che maggiormente ha assimilato (filtrandole) le esperienze culturali americane, proponendo un personalissimo percorso di cinema ‘on the road’.
 

 

Leggi tutto...

BRAVEHEART di Mel Gibson in Blu-Ray 4k Ultra HD

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’arrivo, in prossimità delle feste natalizie, dell’edizione 4k ULTRA HD di “Braveheart – Cuore impavido”, il kolossal epico firmato nel 1995 da Mel Gibson, aggiunge un importante tassello ad un catalogo di film ad alta risoluzione che è sempre più ricco ed ‘importante’.

Leggi tutto...

UNIVERSAL ACCELERA SUL 4K

Universal Pictures Home Entertainment dimostra di credere molto nel nuovo formato video 4K Ultra HD tant’è che nel giro di un paio d’anni ha già messo insieme un catalogo consistente di circa 120 titoli. Questo perché l’intrattenimento del futuro è in 4K.

Vi proponiamo le immagini delle cover di TUTTI (o quasi 'tutti') i titoli pubblicati da Universal Pictures Home Entertainment.

 

Leggi tutto...

IL PRIGIONIERO COREANO di Kim Ki-duk in Blu-Ray

 

 

 

 

 

 

Kim Ki-duk, il regista sudcoreano classe 1960, ha cominciato a farsi notare nei maggiori festival internazionali nel 2004, quando si è aggiudicato prima l’Orso d'argento al Festival del cinema di Berlino per “La Samaritana”, poi il Leone d'Argento (Premio speciale per la regia) alla 61ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia per “Ferro 3 - La casa vuota”. Poi nel 2012 è arrivata la definitiva consacrazione grazie al Leone d'oro al Miglior Film, sempre a Venezia, per “Pietà”.

Da qualche tempo è disponibile presso CG Entertainment il film che Kim Ki-duk ha girato nel 2016, “Il prigioniero coreano”, opera che si tinge dei colori del dissidio che divide da decenni, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, le due Coree, due stati autonomi e diversissimi fra loro per sistema economico e forma di governo: quella del Nord governata da una dittatura comunista e filocinese, quella del Sud incentrata su una democrazia capitalista e filostatunitense. Al centro della trama del film c’è un pescatore della Corea del Nord che, a causa di un guasto del motore della sua barca, finisce per andare alla deriva verso la Corea del Sud. Viene fermato dalla polizia che dopo averlo sottoposto ad una serie di asfissianti interrogatori per appurare se si tratti di una spia, lo rimanda a casa. L’uomo rimane sconvolto da quanto accadutogli e, nonostante faccia fatica (kafkianamente) ad aprire gli occhi su un mondo che gli hanno imposto come un ‘credo’ di non guardare, ha modo di riflettere sulle differenze reali (e presunte) tra le due nazioni confinanti… Kim Ki-duk ===Consulta la Filmografia=== già nel 2002 aveva affrontato il tema del contrasto politico e sociale tra le due Coree nel film “The Coast Guard”, con “Il prigioniero coreano” torna ad occuparsi della materia con un film forte ed essenziale, e diretto, ma anche lucido e mai banale, senza abusare della retorica, sicuramente privo della poesia che ha contraddistinto alcune delle sue opere principali (qualcuno ricorderà certamente “Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera” del 2003), e con un finale che resterà impresso nello spettatore. Il regista sudcoreano prova a delineare la sua analisi sociale, il proprio incisivo punto di vista d’autore su differenze e similitudini tra le due nazioni, mostrando il ‘cuore nero’ di entrambe, ma soprattutto non risparmiando critiche anche al suo paese. Film di spessore e importante sebbene non sia esente da difetti, quali – ad esempio - una certa ridondanza di argomentazioni e alcuni elementi eccessivamente didascalici. Da sottolineare la presenza quale protagonista del carismatica attore coreano Seung-bum Ryoo, che avevamo notato – tra gli altri film – in “Mr. Vendetta” diretto da Park Chan-wook.

 

TECNICA 
Il trasferimento in High-Definition non è eccelso, questo ‘risponde’ ad un master probabilmente frutto di un girato a basso budget, con riprese in 2K digitale. Formato delle immagine a 1.78:1 (1920 x 1080/24p), codifica AVC/MPEG-4 su un disco BD-50. La visione - comunque ¬- rimane negli ambiti di prodotti medi ed è alquanto godibile, con soddisfacente livello dettaglio e ad interferire c’è solo qualche piccola, problematica flessione dovuta alla compressione. Il comparto audio si avvale di un DTS-HD Master Audio 5.1 italiano e coreano (dello stesso livello qualitativo e dinamico) di sufficiente bontà; c’è predominanza del fronte anteriore a causa di un film che certo non spicca per azione roboante (il subwoofer viene raramente coinvolto), e discreto contributo dei due canali rear. Presenti pure due tracce Dolby Digital, 2.0 (per l’italiano) e 5.1 (per il coreano) ma davvero trascurabili. Gli Extra prevedono una interessante (sebbene breve) introduzione al film da parte di Kim Ki-duk (con sottotitoli in italiano), una galleria fotografica, il poster originale e internazionale, l’utile trailer.

 

(Luigi Lozzi)                                                              © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della CG Entertainment)

 

 

 

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film

IL PRIGIONIERO COREANO 

(Geumul)
Corea del Sud, 2016, 114’
Regia: Kim Ki-duk
Cast: Seung-bum Ryoo, Won-geun Lee, Young-min Kim, Guyhwa Choi, Min-seok Son, Ha-dam Jeong, Hyun-Ah Sung, Ji-il Park.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 1.85:1 1920x1080p MPEG-4 AVC
Audio: Italiano, coreano DTS-HD Master Audio 5.1;
Italiano Dolby Digital 2.0; Coreano Dolby Digital 5.1
Distributore: Tucker Film/CG Entertainment

 

 

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Ramblin Man - Allman Brothers Band [1973] Il trascinante pezzo (scritto dal chitarrista Dickey Betts ed estratto dall'album "Brothers and...
IMAGE Talk Talk - Such A Shame [1984] Secondo brano - dopo "It's My Life" - estratto dal secondo album ("It's My Life") del gruppo...
IMAGE Michael Jackson - Thriller [1982] Straordinario esempio di connubio tra Cinema e video-clip, "Thiller", fortemente voluto dallo...
IMAGE Bob Dylan - Blowing In The Wind [1963] Una delle canzoni pacifiste (e di Bob Dylan) più famose, un vero e proprio 'must' per chiunque...
IMAGE Sérgio Mendes & Brasil 66 - Mas que nada [1966] Il brano che ha reso celebre in tutto il mondo il samba brasiliano di Sérgio Mendes e dei suoi...
IMAGE Nomadi - Ho difeso il mio amore [1968] Nel 1968 prima i Profeti, poi i Nomadi e Dalida incidevano cover italiane del brano dei Moody...
IMAGE Frankie Valli & The Four Seasons - Can't Take My Eyes off You [1967] Un grande hit di Frankie Valli inciso nel 1967 e che abbiamo apprezzato nella scena della partita a...

Siti consigliati