Cinema

MISS SLOANE di John Madden

 

 

 

 

 

 

MISS SLOANE: LOTTA DURA PER SOPRAVVIVERE ALLE LOBBY
Il Cinema Americano continua da sempre a ostentare i frutti del suo impegno civile e politico attraverso opere che si colorano di fantasia (o spy-thriller politico se preferite) nella scrittura, ma restano fortemente radicate al substrato ‘liberal’ della cultura e del pensiero corrente; Trump, volente o nolente.


Ne è uno splendido esempio la Madeleine Elizabeth Sloane di questo film, superbamente interpretata da Jessica Chastain ===Consulta la Filmografia===, una donna in carriera che ha rinunciato a moltissime cose per conservare la propria integrità professionale e la cui forza ne fa una delle più ricercate mediatrici politiche di Washington. La donna, imperscrutabile, astuta e terribilmente efficace in un mondo dove la posta in gioco è sempre altissima ed è vietato sbagliare, non ha legami familiari né sentimentali, e per il proprio relax e piacere – privo di pericolosi coinvolgimenti sentimentali – ricorre ad un gigolò a pagamento procuratole da qualche agenzia. Un incipit in avanti ci mostra la protagonista imputata in un processo federale e mano mano si svela il pregresso che ha portato a ciò. La donna guida un team nell’area dei conservatori quando d’improvviso decide di passar nello schieramento opposto, portandosi dietro gran parte dei suoi preparatissimi collaboratori tranne una, fino a quel momento fidatissima, per la quale non nasconde il dispiacere del distacco. Tutto questo dopo che qualcuno ha tentato di metterla a capo di una campagna a supporto delle aziende che producono armi per convincere l’elettorato femminile ad armarsi per difendere i propri cari. Inizia così una trama delicatissima, un gioco di equilibrismi vertiginosi, per ottenere il consenso della maggioranza dei senatori del Congresso e far approvare la legge sulla regolamentazione della vendita delle armi da fuoco. Tra legalità e trame oscure una lotta senza quartiere fatta di colpi bassi, perché la posta in gioco è troppo alta, e si rischia di uscirne con le ossa (metaforicamente) rotte, in un ambiente popolato di molti ‘falchi’ e pochissime ‘colombe’. Perfino la vulnerabilità di una donna d’acciaio come miss Sloane - tenace, scaltra, irriducibile e affascinante - viene messa a dura prova… Un tema, quelle delle lobby che condizionano il potere politico degli Stati Uniti, che ha sempre incuriosito e affascinato il cinema e le serie televisive (si pensi a “House of Cards” per esempio) e di conseguenza gli spettatori che popolano le sale. Il regista britannico John Madden ===Consulta la Filmografia=== è un buon artigiano ed ha interessanti trascorsi cinematografici – lo ricordiamo soprattutto per “Shakespeare in Love”, “Il mandolino del capitano Corelli”, “Il debito” e i due capitoli di “Marigold Hotel” -, qui mette in mostra tutta la sua abilità nella costruzione di un meccanismo narrativo impeccabile che assicura agli spettatori un eccellente livello di intrattenimento fino al sorprendente ed inatteso finale. Importante (e positivo) che il film, utilizzando il linguaggio del thriller politico, si faccia via via più avvincente e riesca a tenere desta fino alla fine l’attenzione del pubblico (premiato dall’inattesa svolta conclusiva) nonostante vengano trattati argomenti il più delle volte francamente incomprensibili (il rischio della noia è dietro l’angolo nella prima parte del film) a chi non padroneggia determinati strumenti e nonostante la verbosità dei dialoghi. Jessica Chastain, nata a Sacramento (California) quarant’anni fa e che di recente, in giugno, ha sposato un manager italiano in una splendida villa veneta, è straordinaria nella sua interpretazione di una donna in carriera con gli attributi, intelligente e sempre vigile, salda eppur ossessionata e sempre sull’orlo di una crisi depressiva, con farmaci sempre a portata di mano, sempre capace di sorprendere, ha già lavorato con Madden per “Il debito” e qui aggiunge un tassello importante alla sua filmografia che già può vantare opere di un certo spessore (“The Tree of Life”, “Crimson Peak”, “The Help”, “Zero Dark Thirty”, per gli ultimi due ha ottenuto due ‘Nominationall’Oscar, come Non Protagonista e Protagonista). Femminista convinta sempre attenta alle problematiche del gentil sesso, la Chastain, dai rossi capelli, ha inaugurato una propria casa di produzione attraverso la quale cercherà di valorizzare l’impegno artistico (di scrittura e quant’altro) delle donne e di riservare per sé ruoli che facciano riflettere sull’importanza delle pari opportunità  rispetto all’universo maschile ancora dominante. Di lei dicono: «una macchina da guerra, con una personalità fuori dal comune» e prossimamente entrerà a far parte dell’Universo Marvel nel ruolo della cattivissima imperatrice Lilandra in “X-Men: Dark Phoenix”. Inoltre il film, che ha ottenuto una candidatura al Golden Globe, vede impegnato un cast di un certo livello composto da Sam Waterson, Mark Strong, John Litgow, Alison Pill.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione di Leone Film Group/01 Distribution)

 

 

 

Miss Sloane - Giochi di potere
(Miss Sloane, Usa, 2016)
Regia: John Madden
Cast: Jessica Chastain (Elizabeth Sloane), Mark Strong (Rodolfo Schmidt), Gugu Mbatha-Raw (Esme Manucharian), Alison Pill (Jane Molloy), Jake Lacy Robert Forde), Michael Stuhlbarg (Pat Connors), John Lithgow (senatore Sperling), Sam Waterston (George Dupont), Chuck Shamata (Bob Sandford), Douglas Smith (Alex), Megan Fahy (Clara Thompson), Raoul Bhaneja (R.M. Dutton), Grace Lynn Kung (Lauren), Al Mukadam (Ross), Noah Robbins (Franklin), Lucy Owen (Cynthia Green), Ennis Esmer (Brian), David Wilson Barnes (Daniel Posner).
Genere: Spy-Thriller Politico
Durata: 132 min.
Sceneggiatura: Jonathan Perera
Fotografia: Sebastian Blenkov
Musica: Max Ritcher
Montaggio: Alexander Berner
Produttori Esecutivi: John Madden, Claude Leger, Jonathan Vanger, Patrick Chu, Aaron Ryder
Co-Produttori: Ben Browning, Kris Thykier, Ariel Zeitoun
Casa di produzione: Europacorp, Film National Entertainment, Archery Pictures, France 2 Cinema con la partecipazione di Canal+, Cine+, France Television
Distribuzione Italiana: Leone Film Group/01 Distribution
Uscita USA: 25 Novembre 2016
Data di uscita: 7 settembre 2017
Sito ufficiale: http://misssloanemovie.com/

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Pino Daniele - Napule è [1977] Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio del 2015 se ne andava Pino Daniele (era nato a Napoli il 19...
IMAGE Richie Valens - La Bamba [1958] In origine "La Bamba" nasceva come brano folkloristico di musica messicana, poi è stata portata ad...
IMAGE Archies - Sugar Sugar [1969] Assai singolare la genesi di "Sugar, Sugar": il brano, un classico della bubblegum music scritto da...
IMAGE Adamo - Affida una lacrima al vento [1968] Salvatore Adamo, figlio di emigranti italiani, nato in Italia ma cresciuto in Belgio, dopo aver...
IMAGE Aphrodite's Child - It's Five O'Clock [1970] Dopo il clamoroso successo ottenuto con "Rain and Tears" nel '68, e bissato da "End Of the World",...
IMAGE Anita Ward - Ring My Bell [1979] Successo dell'era della Disco Music "Ring My Bell" veniva interpretato nel 1979 da Anita Ward al...
IMAGE David Bowie - Space Oddity [1969] "Space Oddity" è una delle più celebri canzoni di David Bowie e venne pubblicata come singolo...