Cinema

PROMETHEUS di Ridley Scott

RITORNO ALIEN(O)

 
Era molto atteso il film di Ridley Scott e, proprio perché tale, dividerà come sempre su due fronti contrapposti i giudizi degli appassionati, dei critici e/o dei semplici spettatori. 

Non è certo un capolavoro ma su questo più che i giudizi della prim’ora sarà il tempo ad essere giudice più obbiettivo; ma è indubbio che non può trascurare un film del genere chi ama il Cinema e guarda pellicole ad un ritmo costante. Da una parte pesa (e non poco) il referente rappresentato da “Alien”, un paletto ineludibile della fantascienza horror contemporanea che si è saldamente ancorato nell’immaginario collettivo, che può trasformarsi in spada di Damocle per qualsiasi nuovo approccio alla materia; dall’altra come non dare credito al desiderio del regista di ampliare gli orizzonti narrativi della sua creatura dall’alto della sua esperienza comprovata e dell’abilità registica riconosciutagli? Molti sono al corrente che “Prometheus” vuole essere un prequel (concepito nel 2009 assieme al compianto fratello Tony) della saga di “Alien” che il regista inglese aveva avviato nel 1979. In un primo momento doveva essere Carl Rinsch a dirigere il film, con i fratelli Scott in cabina produttiva, poi la 20th Century Fox ha insistito che fosse proprio Ridley a prenderne in prima persona le redini per fare in modo che l’attenzione dei fan fosse più ‘viva’ intorno al celebrato franchise popolato dalle creature ideate da H.R. Giger. Per Ridley si tratta di un ritorno al genere di fantascienza dopo che l’ultimo approccio era stato “Blade Runner” trenta anni fa, egli prova a costruire un nuovo immaginario intorno alla sua prima creatura fantascientifica, “Alien”.

 

Siamo nel 2079 quando viene approntata una missione astrale alla ricerca di primordiali tracce della creazione dell’umanità dopo alcuni archeologi rinvengono in una grotta dell’isola di Skye, in Scozia, antichissimi disegni sulla roccia che indicano (al pari di altri rinvenimenti similari) una via celeste verso una costellazione lontana nella quale appunto dovrebbe essere stata creata la razza umana. Dopo qualche anno (nel 2085, 30 anni prima degli eventi di “Alien”) la nave stellare ‘Prometheus’ approda su un pianeta, dall’aspetto misterioso, cupo e ostile, dove trova tracce di quello che cercava ma intercetta pure una micidiale razza aliena pronta a colpire senza concedere alcuna chance al dialogo… A bordo, oltre ai due archeologi che hanno fatto la straordinaria scoperta, troviamo un mecenate ricco e malato, che ha finanziato la spedizione, il suo entourage e una nutrita formazione di scienziati.

È film dall’estetica (e dall’impronta autorale) affascinante al di là dei giudizi contrastanti cui andrà incontro (nostalgia del prototipo, curiosità per la nuova via aperta, critiche all’ambizioso impianto narrativo che si spinge senza il necessario spessore sui territori metafisici di un capolavoro qual’è “2001 Odissea nello spazio” e si accosta all’ardito ed eterno dilemma intellettuale che separa scienza e religione, la riconquista di una ‘lettura’ adulta della fantascienza senza dimenticarsi di quella fastidiosa sensazione di riciclaggio che accompagna tante opere hollywoodiano odierne e che con un termine sofisticato viene detto reboot) ed è destinato a lievitare nelle considerazioni generali (solo) con il passare degli anni. Alcune scene si imprimeranno indelebili nella memoria dello spettatore: quella in cui il personaggio di Elisabeth Shaw (interpretato da Noomi) auto espelle un terribile feto è da antologia, e bellissimo è l’incipit carico di suggestioni; ma non sono le uniche scene (raccapriccianti o meno) che fanno sobbalzare dalla poltrona o lasciano stupefatti gli spettatori nello stile del film che ha dato inizio a tutta la saga. Importante sottolineare come sia femminile il personaggio principale di questo film (Noomi Rapace) al pari della Ripley di Sigourney Weaver dei primi quattro capitoli (trascuriamo ragionevolmente i due apocrifi “Alien vs. Predator 1 & 2” del 2004 e 2007).

 

Galleria immagini

 

(immagini per cortese concessione della 20th Century Fox)

Il nostro giudizio è nel complesso positivo anche se facciamo fatica a riconoscere nel ‘navigato’ Ridley Scott di oggi l’antico meraviglioso ed immacolato stupore delle sue prime opere (“I Duellanti”, “Blade Runner”, lo stesso “Alien”), nonostante la sua filmografia sia costellata di tante altre pregevoli pellicole (penso a “Thelma & Louise“, “Hannibal”, “Black Hawk Down”, “Il genio della truffa”, “American Gangster“,“Nessuna verità”, non certo “Il gladiatore” o “Robin Hood” ). Il finale in crescendo – che diventerà di sicuro un cult – lascia aperta la porta a nuovi capitoli e forse addirittura ad una nuova trilogia. Di sicuro, intanto, c’è già un secondo film che è in pre-produzione nel quale si definirà più compiutamente l'identità dello Space Jockey, l’alieno gigante fossilizzatosi sulla plancia di comando dell'astronave all’interno della quale giungevano gli astronauti della Nostromo all'inizio del primo “Alien”, e che (concettualmente) fa capolino sul finire di “Prometheus”. Particolarmente indovinati i personaggi del fascinoso androide David (un Michael Fassbender sempre più sulla cresta dell’onda), cui vengono riservati i momenti migliori del film sotto l’aspetto più prettamente interpretativo e dell’ambigua Meredith Vickers (Charlize Theron ===Consulta la Filmografia===), la funzionaria delle industrie Weyland che è a capo della spedizione. Gli effetti speciali sono ben calibrati e (ovviamente) necessari, ma il 3D con cui il film arriva nelle sale è posticcio (adattato in post-produzione) ed è davvero poco efficace sotto il profilo della spettacolarità. La sceneggiatura è opera dell’emergente Damon Lindelof e non è che sia del tutto impeccabile perché mostra il fianco debole di una concezione di scrittura serializzata (a lui si deve la fortunata serie TV “Lost”) e non cinematografica.

(Luigi Lozzi)                                                     © RIPRODUZIONE RISERVATA

PROMETHEUS

 
USA, Gran Bretagna 2012
Regia Ridley Scott
Cast Noomi Rapace, Michael Fassbender, Charlize Theron, Guy Pearce, Idris Elba, Logan Marshall-Green, Kate Dickie, Sean Harris, Rafe Spall, Benedict Wong, Ben Foster, Patrick Wilson
Fotografia Dariusz Wolski
Musica Marc Streitenfeld
Genere Fantascienza
Durata 124 min.
Distribuzione 20th Century Fox
Uscita venerdì 14 settembre 2012
Box Office USA

Primo Weekend Usa: $ 51.050.000

Incasso Totale  Usa: $ 126.443.000

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Temptations - Papa Was a Rollin' Stone [1972] Ed ecco l'altro brano che agli inizi dei Settanta rivoluzionò la Black Music di matrice Soul,...
IMAGE Isaac Hayes - Theme from Shaft [1971] Con questo  brano, colonna sonora del film "Shaft" (1971, diretto da Gordon Parks), Isaac Hayes...
IMAGE Adriano Celentano - Una carezza in un pugno [1968] Una delle canzoni più amate di Adriano Celentano (ed una delle mie preferite) uscì nel 1968 come...
IMAGE Van Der Graaf Generator - Theme One [1971] Prima ancora d'essere apprezzati nella patria Inghilterra i Van Der Graaf Generator venivano...
IMAGE Franco Battiato - Bella ragazza [1969] Agli inizi della carriera, ben prima della svolta con la sua musica d'avanguardia con i suoi album...
IMAGE Ribelli - Nel sole, nel vento, nel sorriso, nel pianto [1968] Il bellissimo brano - uno dei miei preferiti - che Lucio Battisti regalò ai Ribelli nel '68,...
IMAGE Chuck Berry - You Never Can Tell [1964] "You Never Can Tell", pezzo di rock'n'roll di Chuck Berry del 1964, pubblicata nell'album "St....

Siti consigliati