AMAZZONIA 3D di Thierry Ragobert in Blu-Ray

 

 

 
 
Che i documentari occupino una fetta importante di mercato in tempi di Alta Definizione è un dato di fatto inconfutabile e sotto gli occhi di tutti; che poi – nella generosa offerta di prodotti nel settore – si possano individuare piccoli gioielli per qualità e coinvolgimento spettacolare ecco una cosa che non può lasciare indifferente qualsiasi fruitore ‘doc’ dell’Home Entertainment.  

 

 

È il caso di “Amazzonia, vivi la grande avventura”, documentario in 3D al quale il regista Thierry Ragobert – un tempo braccio destro del grande oceanografo Jacques Yves Cousteau –, a capo di una troupe franco-brasiliana, ha dedicato ben diciotto mesi di riprese ed altrettanti per il compimento definitivo. Presentato alla 70^ Mostra del Cinema di Venezia (2013), sponsorizzato e sostenuto dal WWF, “Amazzonia” è una docu-fiction che vede protagonista una scimmietta cappuccino, di nome Sia, cresciuta in cattività che si trova su un piccolo velivolo quando questo, per un’avaria nel bel mezzo di una tempesta, precipita nella foresta amazzonica, in quello che dovrebbe essere il suo habitat naturale. Per l’animale inizia una perigliosa avventura in un ambiente a lei (che è impaurita e impreparata) sconosciuto; in fretta dovrà imparare a vivere nella foresta e quindi ritrovare gradualmente la sua autentica natura. Cosa che avviene quando incontra un branco di scimmie grazie al quale scopre la sua identità. Un po’ (ma in minima parte) fiction, con la scimmietta che è al centro di una vicenda inventata, un po’ (in misura più ampia) documentario, per tutto ciò che circonda la simpatica protagonista e che permette (anche) agli stessi spettatori di addentrarsi nella impenetrabile, lussureggiante e affascinante vegetazione della foresta pluviale amazzonica, tra innumerevoli specie animali e feroci predatori (dagli insetti di ogni tipo ai coccodrilli, dalle anaconda ai tapiri, dagli avvoltoi alle lontre che assicurano l’equilibrio dell’ecosistema), e la scoperta di cibi e sapori prima sconosciuti. La dimensione “fiction”, la difficoltà palese di far aderire il ‘concept’ allo script, alla fine son risulti uno dei punti di forza del film. La docu-fiction ha un’impronta puramente documentaristica, e tra le altre cose ci lascia ammirare paesaggi dove difficilmente lo sguardo umano riesce ad arrivare, salendo sugli alberi o scivolando lungo le acque del fiume ci vengono offerte prospettive del tutto privilegiate, inoltre è completamente priva di dialoghi (salvo la voce narrante dell’attore Alessandro Preziosi che interviene in alcuni frangenti) perché tutto il senso del progetto è affidato ad immagini quanto mai esplicative; il che rappresenta un superamento di qualsiasi barriera linguistica in favore di una comunicazione che avviene in forma diversa dalla parola. Il sonoro è composto in prevalenza dai suoni ‘silenti’ della foresta circostante e la colonna sonora orchestrale composta da Bruno Coulais affiora di tanto in tanto in modo quasi minimalista. Thierry Ragobert, nel 2006, aveva diretto il suo primo lungometraggio, “The White Planet”, ancora inedito qui da noi, e con “Amazzonia” prova anzitutto a rilanciare un forte e mai sopito messaggio ecologista con cui, una volta di più, ribadisce la necessità prioritaria di tutelare luoghi incontaminati come la foresta amazzonica, che è un patrimonio dell’umanità intera, ed impedire la deforestazione per l’insensato scempio operato dall’uomo; tant’è che la sua uscita sugli schermi è stata programmata per il 23 marzo, giorno della celebrazione (indetta dall’Onu) della Giornata Mondiale della Foresta.
Sotto il profilo tecnico a rubare lo sguardo provvedono le interessanti e variegate tecniche di ripresa adottate dalla troupe, in condizioni decisamente difficili per la loro realizzazione. La qualità delle immagini, la compattezza del quadro video, la naturalezza cromatica dell’ambientazione, il dettaglio e la solidità dei contorni, concorrono a garantire una visione assolutamente gratificante e piacevole. La visione stereoscopica, poi, è sobria, efficace ma non invasiva, non si è ricorsi ad effetti che colpiscono ‘una tantum’ ma assicura una percezione di tridimensionalità naturale (… della natura!) per tutta la durata del film che è all’altezza – se non addirittura superiore- dei migliori documentari di National Geographic.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

NOTE TECNICHE
Il Film

AMAZZONIA 3D 

(Amazonia 3D)
Francia/Brasile, 2013, 84’
Regia: Thierry Ragobert
Cast: Alessandro Preziosi (voce narrante)

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect Ratio: 1.85:1 / 1920x108i (AVC/MPEG-2)
Audio: Italiano, Originale Dolby TrueHD 5.1
Distributore: DNC/Warner Bros. Home Entertainment
Prezzo: Euro 19,99 [BD in versione 3D]