Musica

OLD IDEAS di Leonard Cohen

 

 

ARTISTA: LEONARD COHEN
TITOLO: Old Ideas
ETICHETTA: Columbia/Sony Music
ANNO: 2012

Leonard Cohen sta al cantautorato colto come John Lee Hooker sta a tutte le stagioni del Blues revival e Jimi Hendrix alla chitarra rock. È un punto di riferimento ineludibile per chiunque abbia in animo di amalgamare insieme musica e liriche ed il suo autunno poetico è stato preso a modello anche da schiere di adepti alt-country negli Usa come nel nord Europa. È da oltre quattro decenni il più importante ed influente songwriter, addirittura più cristallino e carismatico di Bob Dylan, con quella voce da basso profonda, cavernosa e toccante come poche, ma non solo: è anche poeta e scrittore, uno dei più grandi tra i contemporanei. Non molto tempo fa si è concesso un ritorno sulle scene in tour mondiale alla non più tenera età di 74 anni e le 84 date tenute hanno registrato dappertutto il “tutto esaurito”. Una dimensione genuina, quella dal vivo, per un artista per il quale il tempo sembra non passare mai, e si potrà comprendere cosa possa significare presentarsi sul palco alla sua età e non perdere un briciolo della propria luminosa grandezza. Così metabolizzati i fasti di una tournée trionfale – si trattava del suo ritorno sulle scene, dopo un'assenza durata quindici anni - Leonard si è dedicato alla preparazione di un nuovo album in studio (ad otto anni da “Dear Heather”,), il dodicesimo, uscito nel 2012, che, alla prova dei fatti, non è affatto peregrino definire uno dei più belli della sua discografia, all’altezza delle migliori cose incise negli anni Settanta. Inciso a 77 anni con l’estro, l’entusiasmo e l’ispirazione probabilmente trovati ‘on the road’ negli ultimissimi anni. Cohen – perlomeno per l’età, ma non solo per quella - guida la schiera dei grandi vecchi della canzone nordamericana, seguito da Bob Dylan e Neil Young che non hanno alcuna intenzione di abdicare. In più ci piace sottolineare come la produzione artistica di Cohen sia una delle più solide e cristalline dell’intero panorama musicale internazionale. Vi si colgono i frutti di un'esperienza di vita intensa permeata di spiritualità, i testi raccontano dei grandi temi di sempre, la vita e la morte, il sesso e i rapporti umani, con la consueta veste poetica, l’approccio intimista, mutuato dagli chansonnier francesi, e l’ironia di sempre. La sua voce, il crooning - baritonale e dai toni notturni - è addirittura migliorata, così piena di sfumature; le canzoni si vestono di tonalità calde e autunnali, a porgerci questo pugno di "vecchie idee". "un pigro bastardo in giacca e cravatta", così si descrive nell’iniziale ballata minimalista e gospel "Going Home" ("I love to speak with Leonard, he's a sportsman and a shepherd, he's a lazy bastard living in a suit"), e si definisce "straccivendolo del cuore". Segue “Amen” (Tell me again when the filth of the butcher/ Is washed in the blood of the lamb), un lungo pezzo dark con il contrappunto di mandolino, archi e fiati, che ci rimanda per impostazione ad “Halleluja”; è quindi la volta della splendida “Show Me the Place” (Show me the place/ where the word became a man.."), su un tappeto sonoro trasognante del pianoforte. "Darkness" (I’ve got no future/ I know my days are few), grintoso rock blues aperto da un magnifico intreccio di chitarre, è condotto nello stile riconoscibile del cantautore canadese, ed è uno dei brani più musicali dell’album: Leonard in questo caso è accompagnato dagli stessi musicisti che l’hanno assistito in tour negli ultimi anni. Poi la romantica “Crazy To Love You” (I’m old and the mirrors don’t lie / but crazy has places to hide me / that are deeper than any goodbye) con il supporto della chitarra acustica, mentre “Lullaby” è una delicata ninna nanna. A chiudere il disco “Different Sides”, perfetta canzone pop dalle sfumature old-fashioned. Tutto, intorno, funziona a meraviglia, dal coro delle Webb Sisters al controcanto di Jennifer Warnes, all'Hammond e agli archi, e al resto. Un disco sorprendentemente bello, ed è un incanto per il cuore e per la mente ritrovarsi in compagnia di un poeta così lucido nel muoversi tra memoria e consapevolezza, elegante, e dallo sguardo acuto e penetrante.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Siti consigliati