Home Video

LA CASA DELLE BAMBOLE - GHOSTLAND di Pascal Laugier in Blu-Ray

 

 

 

 

 

Il genere Horror che prova a darsi un sussulto di nobiltà e cerca di elevarsi a riflessione sul rapporto tra scrittore e oggetto del suo narrare è il fulcro de “La casa delle bambole - Ghostland”, diretto dal regista francese Pascal Laugier e distribuito sotto l’egida di Koch Media nella prestigiosa e (oramai) affermata collana Midnight Factory.
 
 
 

 

Siamo pur sempre dalle parti del filone delle casa infestata di presenze ostili, tra incubi, delirii e follia, un horror macabro, angosciante e molto crudo, una fiaba nera corredato da immagini forti, e la presenza di una strega e di un orco, e fantasmi che ritornano dal passato. “La casa delle bambole”, dichiarato omaggio ad uno dei padri del gotivo, Howard Philips Lovercraft, è film carico di simbolismi, di segni premonitori, di suggestioni gotiche, in cui si confondono i piani di realtà e fantasia, declinato al femminile come elemento assai riconoscibile della cinematografia del suo regista; qui con le protagoniste femminili intrappolate in un incubo senza fine. Il tutto appoggiato su un substrato costituito da più che consolidati topoi del cinema Horror contemporaneo, dall’antica magione infestata da fantasmi e misteri a figure aberranti che popolano la provincia più nera e profonda, dai rumori sinistri ai dettagli inquietanti delle bambole di porcellana al centro della narrazione. Protagoniste sono due sorelle e la loro madre Pauline (Milène Farmer, la famosa cantante), ed ovviamente le bambole del titolo, antiche, bizzarre ed inquietanti, disseminate nella grande villa ereditata dalla zia materna defunta, Clarissa, in cui da poco vivono le tre donne, sullo sfondo di un paesaggio rurale. Nell’incipit le ragazze, adolescenti, vengono sequestrate e prese in ostaggio in casa da un paio di misteriosi figuri, due maniaci dall’aspetto terrificante, e poi liberate dalla loro genitrice. Le ritroviamo anni dopo, cresciute; una, Beth (Crystal Reed), è diventata una scrittrice di successo (il suo ultimo romanzo, “Incident in a Ghostland”, l'incidente nella terra dei fantasmi, insinua indicazioni più puntuali sul contenuto del film), con la passione per Lovecraft e i racconti dell'orrore ed ha un marito e un figlio, mentre l’altra, Vera (Anastasia Phillips), la sorella maggiore, non è ancora riuscita a superare il trauma degli avvenimenti subiti. La più fortunata delle due fa ritorno a casa, richiamata da una telefonata della sorella, e qui, con la casa conserva ancora i suoi terribili segreti, hanno inizio le scoperte inattese… Pascal Laugier ===Consulta la Filmografia===, grande estimatore di Mario Bava e Dario Argento, è figura di spicco nel panorama europeo del genere Horror. Ha centellinato il proprio talento in una manciata di opere in una quindicina d’anni: dopo aver debuttato nel 2004 con l'horror fantastico “Saint Ange”, è stato prima artefice di un film di culto come “Martyrs”, nel 2008, forse il suo capolavoro, premiatissimo al ‘Sitges Festival internazionale del cinema della Catalogna’, poi di un deludente, e più tradizionale, “I bambini di Cold Rock” quattro anni dopo; ed ora dopo un silenzio durato sei anni ecco la sua nuova prova, “La casa delle bambole – Ghostland”. Che è un Horror che può essere apprezzato a più livelli di lettura se seguito con attenzione da chi vi si pone alla visione; il film vive di atmosfere stranianti, addirittura lovecraftiane, e di un pregnante scollamento dalla realtà che rendono merito alla cifra stilistica di Laugier apprezzata nei lavori precedenti. Ha la nobiltà di alcuni film di culto dell’immaginario cinematografico collettivo e la deriva ‘slasher’, nel finale, di altri, quelli degli anni Settanta che hanno decretato la svolta moderna del genere. Una lettura più accorta in filigrana pone in evidenza la riflessione su Cinema e Letteratura horror (cito un film per tutti, “Misery non deve morire” di Rob Reiner dal romanzo di Stephen King) e sulla loro gestione. Di fatto il regista cerca di far coincidere il contributo innovativo della propria visione di cinema con i materiali consolidati nel cinema di genere Horror ed il suo film ha un impatto di grande efficacia. Tra le mani di Pascal Laugier la materia grezza dell’Horror acquista autorialità laddove – per esempio - diventa difficile stabilire se il ‘presente’ del racconto sia il frutto del ‘passato’ o solamente una proiezione disturbata e fantasiosa della protagonista; così “La casa delle bambolenon si propone solamente di spaventare lo spettatore ma dimostra come la strada per un rinnovamento del genere si apra a più e variegate soluzioni. In Italia al Box Office “La casa delle bambole – Ghostland” ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 846 mila euro e 423 mila euro nel primo weekend.
TECNICA
Il trasferimento in Alta Definizione del film di Pascal Laugier viene proposto nel corretto formato cinematografico di 2.35:1, non presenta alcun tipo di problema dovuto ad una errata compressione, mantiene identica ragguardevole solidità in ogni fotogramma, notevole livello di dettaglio e di stabilità nonostante le ambientazioni cupe in interni poco illuminati. Il comparto audio si avvale delle due consuete tracce (italiana e inglese) in DTS-HD Master Audio 5.1 che differiscono di poco l’una dall’altra ma che, comunque, suggeriscono ai più integralisti tra i fruitori domestici dell’Home Entertainment di privilegiare quella in lingua originale per maggiore dinamismo, profondità della resa, pulizia e coinvolgimento generale. I dialoghi sono sempre cristallini e distintivi mentre sono poco sfruttati i canali ‘rear’. I Contenuti Speciali sono tutti sottotitolati e comprendono (sul secondo disco) un lungo ed esauriente ‘Making Of’ (73′) e interviste al regista Pascal Laugier (9′) e alle protagoniste Crystal Reed (9′) ed Emilia Jones (9′). Inoltre come da abitudine consolidata, nella confezione c’è pure un booklet di 16 pagine con informazioni sul film.

 

(Luigi Lozzi)                                                     © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Midnight Factory/Koch Media)

 

 

 

 

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film

LA CASA DELLE BAMBOLE - GHOSTLAND 

(Ghostland)
Francia/Canada, 2018, 91’
Regia: Pascal Laugier
Cast: Crystal Reed, Taylor Hickson, Rob Archer, Emilia Jones, Adam Hurtig, Anastasia Phillips, Mylene Farmer, Alicia Johnston.

Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 2.35:1 1920x1080p/AVC MPEG-4

Audio: Italiano, Inglese DTS-HD Master Audio 5.1
Distributore: Midnight Factory/Koch Media [2 dischi + booklet]

 

 

 

 

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Siti consigliati