Home Video

GEOSTORM di Dean Devlin in Blu-Ray

 
 
 
 
 
 
Geostorm”, più o meno riuscito o avvincente che sia, va derubricato alla voce Disaster Movie, genere che da una ventina d’anni a questa parte, con l’avvento dell’era digitale che ha permesso di scatenare la creatività negli effetti speciali nello sfornare eventi apocalittici al computer, gode di buona se non addirittura ottima salute.

Il genere ha avuto un periodo di grande successo negli anni Settanta - “L’Avventura del Poseidon” (1972) di Ronald Neame, “L’Inferno di Cristallo” (1974) diretto da John Guillermin e Irwin Allen, con Paul Newman e Steve McQueen, “Terremoto” (1974) di Mark Robson, con Charlton  Heston, che rimangono pietre miliari del genere - seguito negli anni Novanta da un ritorno in auge e blockbuster quali “Dante’s Peak – La furia della montagna”, (1997) di Roger Donaldoson, “Vulcano – Los Angeles 1997” (1997) di Mick Jackson e Deep Impact” (1998) di Mimi Leder. Questo giusto per citare le tappe più significative. Ora ecco profilarsi un nuovo momento propizio per il genere dopo che Roland Emmerich, il maestro dell’epica moderna, aveva dato inizio alle danze prima dirigendo “The Day After Tomorrow - L’alba del giorno dopo” nel 2004 e poi “2012” nel 2009 (e anni prima, nel 1996, era stato artefice di “Independence Day” che, sebbene fosse un film di Fantascienza, mostrava scene di distruzione da catastrofe, così come “Armageddon” di Michael Bay del 1998). Da non dimenticare poi “Poseidon” (2006) di Wolfgang Petersen, remake del film del 1972, “The Impossible” (2012) di Juan Antonio Bayona e i i più recenti “Into The Storm” (2014) di Steven Quale e “San Andreas” (2015) di Brad Peyton. Ma catastrofici – alla prova dei fatti - sono pure “Godzilla” (1998) con Roland Emmerich una volta di più al timone ed il remake del 2014 ad opera di Gareth Edwards, “The Core” nel 2003, “La Guerra dei Mondi” di Steven Spielberg (2005), “G.I. Joe – La nascita dei Cobra” (2009), i vari “Transformers” di Michael Bay, tutti film in cui ad essere distrutte sono quasi sempre le grandi metropoli del pianeta, ad esorcizzare lo smacco subito quell’indimenticabile 11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York. Il successo di questi film va visto alla luce dell’eterno dualismo uomo/natura, delle scelte insensate e assai poco ecologiche dell’uomo in fatto di salvaguardia del Pianeta e che hanno portato ad un pericolosissimo riscaldamento globale. Elementi che tornano a fare capolino in “Geostorm”, diretto da Dean Devlin (sceneggiatore e produttore di “Independence Day”) e che vede nel ruolo del protagonista Gerard Butler. Vera protagonista in realtà è la Natura che scatena la propria forza distruttiva e gli Effetti Speciali la fanno da padrone; il personaggio interpretato da Butler si impegna solamente a cercare soluzioni che impediscano all’umanità intera di soccombere. A fronte di una trama piuttosto esile, infarcita di ‘deja vù’ cinematografici e stereotipi, grossolane soluzioni, dialoghi addirittura imbarazzanti e priva di spessore psicologico dei personaggi va detto che – ovviamente – la messa in scena conquista l’attenzione degli spettatori e nello sviluppo narrativo, per allentare la crescente tensione, si fa sovente ricorso a massicce dosi di ironia. Il genere, come detto, ‘tira’ e “Geostorm” ha racimolato in giro per il mondo la cifra niente affatto trascurabile di oltre 221 milioni di $. In un futuro relativamente prossimo Gerard Butler è lo scienziato Jake Lawson, uomo dallo spirito libero difficile da tenere a freno, responsabile di un sistema, denominato Dutch Boy, messo in piedi per tenere sotto controllo i cambiamenti del clima sul nostro pianeta ed impedire così eventuali eco disastri. Messo temporaneamente da parte per la sua irrequietezza e per ragioni politiche (il suo rivale in questo caso è proprio il fratello) Jake viene richiamato in servizio quando uno dei satelliti deputati al controllo del clima va in tilt e inizia così a scatenare incontrollabili disastri e l’emergenza è tale da richiedere l’intervento di un vero esperto e non bastano le ‘chiacchiere’ di un politicante. Poiché si prospetta una terribile tempesta climatica che colpirà la Terra tutta, il ‘geostorm’ appunto. Ciliegina sulla torta, nel bel mezzo della catastrofe, si profila pure un complotto per eliminare il presidente degli Stati Uniti… L’uomo, in quanto umanità tutta, non è esente da colpe ed il film recita come un mantra minaccioso ed eloquente il diktat: “chi controlla il clima controlla il mondo”. Le scene d’azione sono all’altezza delle aspettative dei consumatoro di questo genere di Cinema, hanno il giusto livello di spettacolarità, divertono gli appassionati e suscitano la giusta empatia, e la preoccupazione per un futuro che potrebbe non essere poi così fantasioso. Alcune scene rimandano alla spettacolare – ma sotto altri punti di vista ‘terribile’ – inondazione vista in “L’alba del giorno dopo” quando le acque dell’oceano si sollevano e penetrano fragorosamente nel tessuto cittadino della Grande Mela; non è un caso che il regista Dean Devlin è uno storico collaboratore di Emmerich. La componente complotto ai danni del Presidente degli Stati Uniti – diciamo – è più che risibile e fors’anche priva di attendibile pathos. Cast di buona levature, ed oltretutto di nazionalità variegate, ed oltre al già citato Butler (scozzese) troviamo il messicano Andy Garcia che veste i panni del presidente degli Stati Uniti, l'australiana Abbie Cornish, l'inglese Jim Sturgess, la rumena Alexander Maria Lara e l'egiziano Amr Waked, la star di Hong Kong Daniel Wu e l’americanissimo Ed Harris (è il Segretario di Stato). Il direttore della fotografia è Roberto Schaefer (“Quantum of Solace” tra i film in curriculum), e il sempiterno Jerry Bruckheimer è intervenuto in fase produttiva quando ha fatto girare alcune scene al fidato Danny Cannon dopo che alcuni screen-test avevano dato esito negativo, di fatto facendo slittare di quasi un anno l'uscita del film sugli schermi. Per una buona parte di spettatori “Geostorm” è una scemenza, punto e basta; per gli appassionati un probabile, futuro film di culto.

Il film è disponibile da pochissimo – dal 28 febbraio - sul mercato dell’Home Video nei formati DVD, Blu-ray e Blu-ray 3D. Il comparto tecnico di “Geostorm”, in presenza di effetti digitali in CGI e di tracce sonore in DTS-HD, è di prim’ordine; sul grande schermo il film è passato in 3D (con grande impiego di mezzi per la gioia degli appassionati) così come nella tridimensionalità è disponibile uno dei formati messi in commercio. Qualità dell’immagine superlativa, buono il livello della compressione, quadro video compatto senza criticità in quanto a grana, e scena ben dettagliata, numerose scene panoramiche (abbastanza credibili e realistiche) di distruzione si portano dietro solo un leggero rumore video che non inficia la qualità della visione; perfettamente delineati gli elementi in primo piano come quelli in background. La palette cromatica ha colori naturali ma vira sulle tonalità cupe della distruzione. Di buon livello risulta essere pure il comparto audio dove gli effetti sonori sono distribuiti sul fronte dei canali e godono del contributo efficace del subwoofer nelle scene d’azione più intense, quando viene ottimamente simulato il dinamismo sonoro del cataclisma; i dialoghi sono distintivi sul centrale. La traccia italiana è in multicanale 5.1, ma per godersi gli effetti è da preferire quella inglese disponibile in DTS-HD Master Audio. I Contenuti Extra prevedono le featurette “Search For Answers”, in cui il regista Dean Davlin ripercorre le varie fasi di produzione di “Geostorm”, “An International Event”, con il cast e e i responsabili della realizzazione raccontano il loro incontro e la collaborazione avvenutasul set, “Wreaking Havoc” in cui si mostrano la tecnologia e gli effetti speciali adottati nel film.

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Warner Bros. Home Entertainment Italia)

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film

GEOSTORM
(Geostorm)
Usa, 2017, 108’
Regia: Dean Devlin
Cast: Gerard Butler, Jim Sturgess, Abbie Cornish, Andy Garcia, Ed Harris, Alexandra Maria Lara, Daniel Wu, Katheryn Winnick, Robert Sheehan, Mare Winningham.
Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 2.40:1 1920x1080p/ MVC MPEG-4
Audio: Inglese, Tedesco DTS-HD Master Audio 5.1;
          Italiano, Inglese, Spagnolo, Portoghese, Cinese
Distributore: Warner Bros. Home Entertainment Italia

 

 

 

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Big Audio Dynamite - E=MC2 [1986] In questo video-clip del gruppo creato nell'84 dall'ex chitarrista e cantante dei Clash, Mick...
IMAGE Ray Charles - Hit The Road Jack! [1961] Nell'ottobre del 1961 'The Genius' portò questo brano scritto per lui da Percy Mayfield al primo...
IMAGE Simon & Garfunkel - Bridge Over Troubled Water [1970] È uno dei pezzi più celebri tra quelli composti da Paul simon che lo ha lanciato nel 1970 in...
IMAGE Los Bravos - Black Is Black [1966] Il singolo d'esordio del gruppo rock dei Los Bravos, primo gruppo rock spagnolo a riscuotere un...
IMAGE Jackson Browne - Stay/Running On Empty [1977] Durante il fortunato tour che nel 1977 lo lanciava a livello internazionale Jackson Browne chiudeva...
IMAGE Thin Lizzy - Wiskey In The Jar [1972] "Whiskey in the Jar" è una canzone tradizionale irlandese il cui testo forse risale alla fine del...
IMAGE ABC - The Look Of Love [1982] Nel 1982 il gruppo inglese 'New Romantic' degli ABC si affermava con la gradevolelezza del Synth...

Siti consigliati