Home Video

AVE, CESARE! di Joel & Ethan Coen in Blu-Ray

 

 

 

 

 

Della nostra affezione ai fratelli Coen, Joel e Ethan, sono testimonianza le tante recensioni dei loro film presenti sul nostro sito ed uno speciale dedicato ai due autori del Minnesota. Accingersi a guardare un film dei Coen è un’esperienza che suscita sempre curiosità negli appassionati; è un appuntamento irrinunciabile, una sorta di marchio di garanzia per qualsiasi cultore di cose cinematografiche e difficilmente se ne esce delusi; magari solo non pienamente soddisfatti, e questo può starci nell’ordine delle cose. Per cui l’uscita in Blu-Ray del loro nuovissimo, attesissimo film, “Ave, Cesare!”, non poteva non interessarci ed eccovi bella e pronta la recensione.

 

Ave, Cesare!” è un film delizioso, un mosaico ad incastro che, comunque, ribadisce il talento di Joel e Ethan Coen ===Leggi lo Speciale=== anche se non è proprio all’altezza dei tanti capolavori confezionati dal duo che l’hanno preceduto. Questa volta l’attenzione dei due cineasti si posa su quello che è il cuore della loro passione cinefila, la Hollywood cinematografica del secondo dopoguerra, quella degli anni ’50, dello show-business e dei suoi miti discutibili, vista con occhio affettuoso, ironico e irriverente. I personaggi che si animano sullo schermo con toni decisamente caricaturali sono realmente esistiti anche se i nomi sono spesso cambiati, e vengono raccontati con sarcasmo ed una certa libertà descrittiva dai fratelli. Nel cuore del business hollywoodiano, nel 1951, Eddie Mannix (Josh Brolin), abile nel districarsi dalle situazioni più complicate, viene spedito nella ‘Mecca del Cinema’, dal potente proprietario di una catena di sale cinematografiche, per controllare da vicino i conti della MGM (Metro Goldwyn Mayer) e invece diventa il braccio destro del capo Luis Mayer, facendosi valere per le capacità di gestione interna della vita pubblica di una serie di star della Major da tenere lontane dagli scandali. Sono tante le cose da mettere a posto nella quotidianità di un grande Studio cui l’onnipresente Eddie deve dedicarsi tra attori sciocchi, attrici capricciose e registi pignoli; dal confuso Baird Whitlock (un istrionico George Clooney), famoso attore rapito da un gruppo di sceneggiatori comunisti ribelli (non dimentichiamo che quelli erano gli anni della Guerra Fredda), mentre gira un film su Gesù vestito da centurione romano, all’attrice rimasta incinta di cui non si vuole far conoscere la gravidanza, all’eroe dei western che ha bisogno di un refresh della sua immagine pubblica. Il pettegolezzo gossipparo, le bizze di attori e registi, allora erano materia da tenere sotto controllo; come adesso con la differenza che oggi gli scandali nel mondo dello spettacolo si creano a tavolino. Da quando il Cinema è diventato esso stesso materia di altro Cinema si sono moltiplicati i film che ne raccontano fatti ed eventi, e non sempre – questo va detto – il racconto che ne vien fuori è felice; e tale è l’impressione che si matura alla visione di “Ave, Cesare!”. Eppure proprio quell’epoca a cavallo degli anni Cinquanta è la stagione più felice della storia del Cinema che ha ‘nutrito’ e cresciuto legioni di appassionati della Settima Arte. Tra costoro di sicuro anche Joel e Ethan che hanno maturato negli anni una solida conoscenza dei generi cinematografici, e della loro evoluzione, che – previo sapiente lavoro di filtraggio - hanno messo al servizio del pubblico odierno con il loro stile riconoscibile ed un tocco del loro humour ebraico. Ha scritto il critico Goffredo Fofi: «A causa della loro formazione di spettatori anni cinquanta, non riescono a distaccarsi da quell’immaginario e da quella storia. Il loro guaio, con il pubblico di oggi, è che quel tipo di cinefilia è morto da tempo, e l’interesse frenetico per il cinema americano e la storia dei suoi retroscena appartiene a una generazione di fan e di maniaci (critici e spettatori) superata da una nuova generazione che coltiva le nuove nefandezze della nuova mass-culture, magari peggiori di quelle del dopoguerra, ma in ogni caso diverse. Si assiste perfino con imbarazzo alla visione di questo fiacco film, perfino con un pizzico di vergogna per essere stati a suo tempo anche noi, i più vecchi, prigionieri di quelle mitologie, ormai fuori corso da anni». E questo ci fa riflettere con un pizzico di amarezza. Sono tante pure in questo caso le citazioni cinefile che si colgono alla visione; il rimando a “Quo Vadis” del 1951, il numero musicale dell’acrobatico balletto dei marinai (“Sette spose per sette fratelli” e “Cantando sotto la pioggia”) proposto in una chiave gay che difficilmente si palesava a quel tempo, oppure il riferimento (quasi esplicito) alle fantasie acquatiche di Esther Williams con il personaggio interpretato da Scarlett Johansson, il richiamo alla famosa lista nera di autori sospettati di essere comunisti dal maccartismo e a Dalton Trumbo, i fondali finti ed altro ancora. Una scena assolutamente impareggiabile (e divertente) per intelligenza ed ironia è quella sul dibattito teologico fra un rabbino, un cattolico e due protestanti. Si diceva che qualche volta i lavori dei Coen non colgono con efficacia nel segno, alcuni film, anche se in numero esiguo, non sono proprio riuscitissimi se paragonati ai capolavori (“Fargo” ===Leggi la Recensione===, “L’uomo che non c’era”, “Non è un paese per vecchi” ===Leggi la Recensione===, “Il grande Lebowski” ===Leggi la Recensione===, “Barton Fink”, “Fratello dove sei?”, "A Serious Man" ===Leggi la Recensione=== ed il più recente e straordinario “A proposito di Davis” ===Leggi la Recensione===) e “Ave, Cesare!” appartiene a questa cerchia ristretta assieme (per esempio) a “Prima ti sposo poi ti rovino”, “Ladykillers” o “Il Grinta” ===Leggi la Recensione===. Ovviamente tutto è relativo perché sempre e comunque questi ultimi titoli entrano di diritto nella cineteca di qualsiasi appassionato e tutti gli altri film diretti da Joel & Ethan Coen ===Consulta la Filmografia=== che non abbiamo citato sono pure essi a nostro avviso imperdibili. George Clooney torna nuovamente a lavorare con i Coen (dopo “Prima ti sposo poi ti rovino”, “Burn After Reading” ===Leggi la Recensione===, “Fratello, dove sei?”) ma assieme a lui ci sono altri attori ad arricchire la scena: Josh Brolin, Ralph Fiennes, Scarlett Johansson, Alden Ehrenreich, Tilda Swinton, Frances McDormand, Channing Tatum.
Il Blu-Ray oggetto della nostra recensione si propone con qualità assolutamente consona agli autori del film e agli standard offerti da Universal Studios per i trasferimenti di ultima generazione, sia sotto il profilo delle immagini - formato video in 1080p (High-Definition Widescreen, 1.85:1) -, sempre nitide, compatte e ben dettagliate, che del sonoro (DTS HD Master Audio 5.1 per la traccia in inglese e DTS Digital Surround 5.1 per italiano e altre tre lingue), sempre circoscritto ad un uso su dialoghi e riscontri d’ambienza e mai sovradimensionato per effetti sonori particolari. I Contenuti Extra prevedono diversi speciali e featurette di interesse; ne “La regia di Hollywood” Joel e Ethan raccontano i motivi per cui hanno deciso di ambientare il loro film nella Hollywood degli anni Cinquanta mentre gli attori che intervengono accennano a come si son trovati nel calarsi in un’epoca diversa da quella in cui si muovono oggigiorno; in “Ecco le star” si affronta con maggiore dettaglio il lavoro svolto dagli attori nell’interpretare personaggi che sono attori di un’altra epoca. “Un’epoca affascinante” tratta gli aspetti produttivi del film dando voce a scenografo (Jess Gonchor), costumista (Mary Zophres) che hanno dovuto dare un’impronta importante al film mentre “La magia del passato” riguarda quell’epoca mitica cui i Coen hanno fatto riferimento con i contributi di Scarlett Johansson nello spettacolo acquatico e di Channing Tatum nel ballare un tip-tap.

 

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures)

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

NOTE TECNICHE
Il Film

AVE, CESARE!
(Hail, Caesar!)
Usa, 2016, 106’
Regia: Joel & Ethan Coen
Cast: Josh Brolin, George Clooney, Ralph Fiennes, Scarlett Johansson, Alden Ehrenreich, Tilda Swinton, Frances McDormand, Channing Tatum, Jonah Hill, Veronica Osorio, Heather Goldenhersh, Alison Pill, Max Baker.
Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 1.85:1 1920x1080p/AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS HD Master Audio 5.1
           Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo DTS Digital Surround 5.1
Distributore: Universal Pictures Home Entertainment

 

 

 

 

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Siti consigliati