Home Video

ROOM di Lenny Abrahamson in Blu-Ray

 

 

 

 

 

È questo il film, straordinario ed emozionantissimo, ma anche spiazzante, che ha permesso alla sua interprete, la rivelazione Brie Larson, di vincere l’Oscar per la Migliore Attrice Protagonista nell’ultima “Notte degli Oscar” (sulle quattro ‘Nomination’ complessive che l’opera si è vista gratificare). “Room” è un film indipendente irlandese diretto da Lenny Abrahamson, sessantenne regista di Dublino, che ha preso spunto da un libro di Emma Donoghue (in Italia uscito col titolo di “Stanza, letto, armadio, specchio”).

 

 


Il piccolo Jacob Tremblau è Jack, mentre Brie Larson è sua madre Joy; “Room” è la storia di una fuga (e di un poi) da una stanza bunker (la ‘Room’ del titolo), squallida, sporca e poco illuminata, dove la madre è stata segregata dietro una porta blindata per sette lunghi anni alla mercé di un aguzzino e il figlio lì è nato e vissuto cinque anni per uno dei rapporti sessuali pretesi dal rapitore. Si può solo immaginare come l’esclusività simbiotica del rapporto tra madre e figlio sia maturato in un ambiente così ‘malsano’ e claustrofobico, e la fuga, chiusi in un tappeto, ha un sapore particolare che va oltre il semplice conseguimento della libertà. Ma lì fuori, dove tutti hanno creduto Joy morta, la luce in fondo al tunnel è lontana dall’essere trovata; il reinserimento in una normalità di vita appena decente diventa difficile e irto di ostacoli, al punto da far cadere la donna nell’angoscia della depressione. Addirittura (e paradossalmente) l’esterno si trasforma in una ‘prigione’ più angusta delle mura di quella in cui madre e figlio hanno vissuto, perché la ‘Room’ è diventata un luogo della menta. Ma a dare fiducia e speranza nel futuro alla mamma, e a ‘guarirla’, è la capacità del piccolo Jack di aprirsi al mondo, di superare difficoltà che per prime riguardano lui, inconsapevole sia di cosa sia il male quanto di cosa sia il bene dopo aver comunicato per così tanto tempo solo ed esclusivamente con sua madre, e di andare alla scoperta della vita autentica. La vicenda narrata ci riporta alla memoria un fatto di cronaca di qualche anno fa di cui si sono occupati i media e cui si è ispirato il film; quando nel 2008 venne scoperto il caso di un austriaco (Josef Fritzl, ribattezzato ‘il mostro di Arnstetten’) che aveva segregato per 24 anni sua figlia Elisabeth in un bunker, abusando di lei: ben sette figli sono stati concepiti dall’incestuoso rapporto con il genitore. Un intenso, avvincente, commovente e coinvolgente film drammatico che si offre al pubblico nelle sue molteplici sfaccettature, su tanti piani di lettura, muovendosi tra psicologia e sentimento, amore materno e complessità dei rapporti umani e sociali all’esterno, e non disdegnando qualche risvolto thriller, carico di suspence. Un incubo vissuto attraverso gli occhi di un bambino che si trasforma in positività grazie al potere salvifico dell’immaginazione. Aggiungo anche che il libro è meno positivo del film. La regia di Lenny Abrahamson è capace di segnare una linea di demarcazione tra un prima e un dopo la liberazione, segnata dalla splendida e indimenticabile sequenza del furgone, e a farci vivere due momenti tanto intensi e radicalmente differenti tra loro, quasi due film diversi l’uno dall’altro. Il Premio Oscar a Brie Larson, 26enne attrice californiana di Sacramento, non è assolutamente peregrino e ci ha fatto scoprire un’attrice formidabile nelle sfumature che riesce a donare al suo personaggio, assolutamente credibile nel suo crollo psicologico.
Il trasferimento in High-Definition di questa favola nera rispecchia i crismi della migliore qualità dispensata ai giorni nostri dalle Major cinematografiche, anche se – ovviamente – essendo il film giocato più che altro su dialoghi e toni introspettivi, c’è poco (o nessuno) spazio per effetti digitali e audio importanti. Però c’è modo di apprezzare, soprattutto nella prima parte, l’accurato lavoro del regista e dei suoi più stretti collaboratori (direttore della fotografia e scenografo) nel condurci all’interno della ‘Room’ e di vivere quello spazio angusto ed opprimente al fianco dei due protagonisti. Nella seconda parte invece la bravura della regia si manifesta nella sagacia e nell’equilibrio (soprattutto) con cui viene raccontato il traumatico ritorno alla vita. Extra: il “Making Of” del film (12’), le featurette “Ricreare la stanza” (4’) e “3x3” (9’), assai esaurienti per comprendere come sia stato allestito il set, poi il commento audio al film sottotitolato di regista, direttore della fotografia, scenografo e montatore.

 

 

 

Galleria immagini


(immagini per cortese concessione della Universal Pictures)

 

(Luigi Lozzi)                                                © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

NOTE TECNICHE
Il Film

ROOM
(Room)
Irlanda, 2015, 118’
Regia: Lenny Abrahamson
Cast: Brie Larson, Megan Park, William H. Macy, Jacob Tremblay, Joan Allen, Sean Bridgers, Tom McCamus, Amanda Brugel, Kate Drummond, Chantelle Chung, Cas Anvar, Jack Fulton, Randal Edwards, Joe Pingue.
Informazioni tecniche del Blu-Ray

Aspect ratio: 2.40:1 1920x1080p/AVC MPEG-4
Audio: Inglese DTS HD Master Audio 5.1
Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo, Portoghese DTS Digital Surround 5.1
Distributore: Universal Pictures Home Entertainment

Privacy & Cookie Policy

Privacy Policy Cookie Policy

Movie Library

IMAGE CLIP ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE COMMEDIE ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE DRAMMATICI   ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film...
IMAGE ACTION THRILLER ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE HORROR & FANTASCIENZA ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...
IMAGE VIDEO LIBRARY ALL THAT DIGITAL ha selezionato per i suoi lettori una COLLECTION di Video-Clip e di Film Completi...

Una clip al giorno...

IMAGE Christmas Songs: Il meglio in 44 canzoni Qui abbiamo assemblato tutti assieme i video-clip di 44 brani natalizi interpretati dal meglio...
IMAGE Van McCoy - The Hustle [1975] Uno dei brani più popolari tra quelli che hanno contraddistinto gli anni d'oro della Disco Music,...
IMAGE Luigi Tenco - Ciao amore ciao [1967] È questa la canzone che, esclusa dalla finale del Festival di Sanremo '67, indusse Luigi Tenco al...
IMAGE Heaven 17 - Temptation [1983] Il brano di grande successo del gruppo synthpop britannico degli Heaven 17 che raggiunse il #2...
IMAGE Gloria Gaynor - I Will Survive [1978] Il brano che ha reso famosa Gloria Gaynor è uno dei pezzi Disco più conosciuti ed amati al mondo;...
IMAGE Doors - The End [1967] "The End" è uno dei più celebri ed importanti brani dei Doors, nato da una serie di...
IMAGE Buddy Holly - Everyday [1957] Brano scritto dallo sfortunato Buddy Holly (nome d'arte di Charles Hardin), uno dei primi grandi e...

Siti consigliati